GIUSEPPE RICUPERATI

Un laboratorio cosmopolitico

Illuminismo e storia a Torino nel Novecento

 

Un laboratorio cosmopolitico. Illuminismo e storia a Torino nel Novecento è frutto di una ricerca su come uno spazio complesso ha vissuto esperienze significative: la vague settecentesca, connessa a una precoce Resistenza europea, che diventa impulso storiografico; il neoilluminismo, avventura di modernizzazione del tutto italiana. Entrambe hanno connessioni con Giustizia e Libertà . In un tempo difficile Gobetti lesse l'Illuminismo come stile europeo nelle sue riviste militanti. I saggi successivi riguardano Salvatorelli e il suo Settecento come pensiero ed azione, Franco Venturi, casa Einaudi, Utopia e Riforma, Settecento riformatore, direzione della «Rivista storica italiana». Venturi, Alessandro Galante Garrone ed altri, in dialogo con Norberto Bobbio, mostrano che qui il neo-illuminismo non è solo problema epistemologico, segnando una traccia di diversità in una città di frontiera a vocazione europea, con uno sguardo creativo ed ostinato sul mondo.

 

L’AUTORE

 

Giuseppe Ricuperati (1936), allievo di Franco Venturi, è attualmente professore emerito della Facoltà di Lettere e filosofia presso l'Università di Torino. I suoi settori di ricerca sono la storia delle idee, della storiografia, dell'istruzione, della stampa periodica e ultimamente degli apparati amministrativi d'Antico Regime. Si è recato più volte per studio negli Stati Uniti, in Canada, Inghilterra, Francia, Olanda, Austria, Germania, Svizzera. È stato Presidente della Società italiana per lo studio del secolo XVIII e nel direttivo di quella internazionale (SIEDS). Membro di alcune accademie e fondazioni torinesi e italiane, fra cui l'Accademia dei Lincei, collabora a diverse riviste di storia e di cultura e attualmente è direttore responsabile della «Rivista storica italiana». Fra i suoi libri più significativi L'esperienza civile e religiosa di Pietro Giannone, 1970; P. Giannone, Opere, con S. Bertelli, 1971; la storia della stampa periodica italiana fra Sei e Settecento, le ricerche sul Piemonte sabaudo nel Settecento, la cura di tre volumi della Storia di Torino per Einaudi; Apologia di un mestiere difficile. Problemi, insegnamenti e responsabilità della storia, 2005; Frontiere e limiti della ragione. Dalla crisi della coscienza europea all'Illuminismo, 2006. Ha pubblicato con Frederic Ieva un manuale di storia moderna in due volumi (2005-2008). Sta infine raccogliendo in volume i suoi saggi sulla storia dell'istruzione.

 

SOMMARIO

Acquista