NOTA! Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili .
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Approvo', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie. 
Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.
0103624000.jpg0103624000.jpg
Speak to us of Emailia. Per una lettura ipertestuale di Finnegans Wake
SKU: 0103624000
Volpone Annalisa
21,70 €
Esaurito Avvisami!

Isbn
8849507755
Collana:

"Univ.degli Studi di Perugia - Dip.Scienze linguistiche e filologico-letterarie dell'area Anglo-Germanica"
Vai alla collana >>>

Nr. Volume
16
Formato
15x22
Nr. Pagine
280
Mese Pubblicazione
Novembre
Anno Pubblicazione
2003
Finnegans Wake è considerato uno dei romanzi più complessi della letteratura mondiale, al punto da sollevare dubbi sulla sua stessa leggibilità . Eppure l'ultimo romanzo di Joyce è soprattutto una profonda riflessione sulla comunicazione e sui mezzi tecnici attraverso i quali essa si compie. Finnegans Wake è la testimonianza letteraria forse più lucida e consapevole di come telegrafo, radio, telefono, cinema e TV abbiano radicalmente e irrevocabilmente cambiato il nostro modo di comunicare. Ma è anche qualcosa di più. Nel suo porre al vaglio gli oggetti tecnici che via via entrano a far parte della vita quotidiana Joyce, con un linguaggio evocativo, debordante e futuribile, ammicca anche ad oggetti tecnici di là da venire e che invece per il lettore odierno sono straordinariamente attuali. La vera sfida che lo scrittore irlandese ingaggia, attraverso il Wake, non è con il lettore, abituato già dagli sperimentalismi di Ulysses ad "avere pazienza", ma con il testo e il suo involucro: il libro. Cosa succederebbe allora se applicassimo a Finnegans Wake quelle tecnologie cui Joyce sembra sorprendentemente alludere e che a noi paiono ormai tanto familiari? Cosa succederebbe se, fuoriuscendo dal libro, trasferissimo il testo Finnegans Wake negli spazi virtuali del ciberspazio? Dal testo all'ipertesto, dalla scrittura alla multimedialità della video scrittura... Sono questi alcuni dei quesiti cui il presente libro cerca di rispondere, proponendo un'medita e provocatoria lettura del Wake, certo una delle tante possibili, ma che forse più di altre è in grado di attivare meccanismi e significati del testo che altrimenti rischierebbero di restare inespressi.

L'AUTORE

Annalisa Volpone ha conseguito il titolo di Dottore di Ricerca in Anglistica attivato presso la sede di Genova. Attualmente si sta occupando dell'intertestualità joyciana in rapporto a Dante e a Shakespeare
Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved