NOTA! Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili .
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Approvo', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie. 
Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.
Il fascismo tra conservazione e rivoluzione
SKU: 0318176180
Volpe Francesco
11,00 €

Isbn
9788849537659
Formato
13x21
Nr. Pagine
88
Mese Pubblicazione
Dicembre
Anno Pubblicazione
2018

Il Ventennio fascista è stato un periodo intenso e dinamico, caratterizzato da una serie di eventi, che hanno prodotto una storiografia vastissima. Questa quasi sempre ha celebrato il regime quando era in auge o lo ha depresso quando è caduto, secondo una metodologia tesa ad esaltare l’événement che impressiona il gran pubblico e a minimizzare gli aspetti ideologici che contengono o possono contenere in sé i germi del futuro. Su tali aspetti e sulle loro implicazioni di carattere sociale, economicoe culturale si è fermato il presente lavoro focalizzando l’attenzione sulle innovazioni che prevalsero sulla conservazione e sul fermento culturale che portò alla rivoluzione intellettuale e antropologica avviata da Giuseppe Bottai.

L'AUTORE
Francesco Volpe, già docente di Storia moderna e Storia sociale all’Università di Salerno, per i nostri tipi cura la collana «Quaderni di storia del Mezzogiorno», nella quale ha pubblicato, tra l’altro: La borghesia di provincia nell’età borbonica (1991), Il Cilento nel secolo XVII (1991), «Corruzione dell’aria», malattie e terapie nel Mezzogiorno moderno (2002), La diocesi di Capaccio nell’età moderna (2004), Lineamenti di storia della storiografia cilentana (2014).

Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved