0396276000.jpg0396276000.jpg
Prefetti dell'Italia liberale. Andrea Calenda di Tavani, Giannetto Cavasola, Alessandro Guiccioli
SKU: 0396276000
Casella Mario
56,00 €

Isbn
8881142627
Collana:
Nr. Volume
60
Formato
17x24
Nr. Pagine
432
Mese Pubblicazione
Novembre
Anno Pubblicazione
1996
Da tempo, ma con particolare intensità da alcuni anni a questa parte, è in corso un vivace dibattito sul personale dell'apparato burocratico e più in particolare sulla figura e sulla presenza del prefetto nella realtà politica e amministrativa dell'Italia postunitaria. In studi di carattere generale come pure in contributi specifici, autonomamente o nell'ambito di ricerche di gruppo, vengono sempre più chiaramente e precisamente messi a fuoco ruolo, funzioni, limiti, competenze, possibilità di autonomia decisionale dei rappresentanti del ministro dell'Interno, e quindi dello Stato, a livello periferico. Inserendosi in quel dibattito, questo volume getta luce sulla formazione culturale, sulla carriera, sulle amicizie (e sulle inimicizie) politiche di Andrea Calenda di Tavani (1831-1904), Giannetto Cavasola (1840-1922) e Alessandro Guiccioli (1843-1922), tre prefetti assai diversi tra di loro, ma tutti e tre significativi e per certi aspetti emblematici, e perciò capaci di aiutare a capire e definire la presenza e la funzione del prefetto nella realtà politica e amministrativa dell'Italia liberale. I loro profili sono stati ricostruiti particolarmente (ma non esclusivamente) sulla base del ricco ed inedito materiale reperito tra le carte dell'Archivio Centrale dello Stato, dell'Archivio di Stato di Roma, dell'Archivio del Ministero degli Affari Esteri, e tra i fondi archivistici del Museo Centrale del Risorgimento.

L'AUTORE

Mario Casella
(Teggiano, Salerno, 1939) è professore ordinario di Storia contemporanea presso la Facoltà di Magistero dell'Università di Lecce. In numerosi scritti apparsi in riviste, miscellanee e dizionari enciclopedici, si è occupato della lotta politica e della vita religiosa a Roma e nell'Italia Centrale tra Ottocento e Novecento, del movimento operaio di fine secolo, della classe dirigente pontificia e italiana (con particolare riferimento ai prefetti), dell'associazionismo cattolico nell'Italia liberale, fascista e repubblicana. Ha tra l'altro pubblicato i seguenti volumi: Democrazia socialismo movimento operaio a Roma (1892-1894), Roma, 1979; L 'Azione Cattolica alla caduta del fascismo. Attività e progetti per il dopoguerra (1 942-1945), Roma, 1984; L'Azione Cattolica all'inizio del pontificato di Pio XII. La riforma statutaria del 1939 nel giudizio dei vescovi italiani, Roma, 1985; Cattolici e Costituente. Orientamenti e iniziative del cattolicesimo organizzato (1 945-1947), Napoli, 1987; Igino Giordani. «La pace comincia da noi», Roma, 1990; 18 aprile 1948. La mobilitazione delle organizzazioni cattoliche, Galatina, 1992; L'Azione Cattolica nell'Italia contemporanea (1919.1 969), Roma, 1992; Cultura, politica e socialità negli scritti e nella corrispondenza di Igino Giordani (1 920-1980), Napoli, 1992; Giornali cattolici e società italiana. Religione politica e democrazia nelle pagine de « L 'Osservatore Romano » e de « il Quotidiano » (1944-1950), Napoli, 1994; Roma fine Ottocento. Forze politiche e religiose, lotte elettorali, fermenti sociali (1889-1900), Napoli, 1995.
Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved
NOTA! Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili .
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Approvo', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa. Privacy Policy