NOTA! Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili .
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Approvo', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie. 
Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.
0307031070.jpg0307031070.jpg
La Chiesa di Maria SS. Assunta in cielo in S. Maria la Fossa
SKU: 0307031070
Bova Giancarlo
22,00 €

Isbn
9788849514384
Collana:

"Civiltà e radici di Terra di Lavoro"
Vai alla collana >>>

Nr. Volume
2
Formato
17x24
Nr. Pagine
152 + 8 f.t.
Mese Pubblicazione
Settembre
Anno Pubblicazione
2007
La chiesa di Maria Ss. Assunta in Cielo, situata nell'antico centro di 5. Maria la Fossa (X-XI secolo), è uno dei monumenti più belli e importanti del Medioevo meridionale. Essa s'innalza sulla sinistra del fiume Volturno, presso il Porto delle Femmine, in una zona paludosa e ricca di cacciagione. Costruita a più riprese dal X secolo in poi, forse da monaci greci, fu ultimata solo in epoca angioina nella seconda metà del XIII secolo, quasi sicuramente dai canonici regolari di S. Antonio di Vienne (Antoniani). Grazie alla presenza del vicino porto, la chiesa è stata luogo di culto in varie epoche per mercanti amalfitani, napoletani, genovesi, pisani, fiorentini, che provenendo da Castelvolturno vendevano lì le loro merci e poi si dirigevano nell'entroterra o proseguivano lungo il fiume verso il centro principale di Capua, distante appena quattro miglia. La facciata romanica originaria della chiesa, prima degli eventi bellici del 1943, era preceduta da un nartece ad archi a tutto sesto, retti da alcune mezze colonne di spoglio. Antiche sono anche le colonne che separano le tre navate, che terminano in tre absidi. La decorazione pittorica costituisce il più complesso e importante cielo superstite della scuola campana tra il XII e il XV secolo. Tra gli affreschi più antichi segnaliamo quello di S. Stefano (XII sec.) nell'abside centrale, di S. Leonardo (XII sec.) nella navata sinistra, la cui devozione fu importata in epoca normanna dal piccolo centro francese di Saint-Leonard de Noblat, e le Opere di misericordia nell'abside centrale (XIII sec.). Di grande impatto emotivo sono le raffigurazioni della Madonna del velo, della Madonna del cardellino, della Madonna del coniglio e dell'Annunciazione.

L'AUTORE

Giancarlo Bova, tra gli storici italiani più conosciuti nel mondo per i suoi studi, dirige le Collane Corpas membranarum Capuanarum e Civiltà e radici di Terra di Lavoro, per conto delle Edizioni Scientifiche Italiane. L'Autore ha ricevuto tra l'altro riconoscimenti dalle più importanti Biblioteche e Università d'Europa, tra cui l'Ecole Pratique des Hautes Etudes (Sorbonne).
Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved