• +39 081 7645443
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Ricerca Avanzata Ricerca Avanzata
PDFStampaEmail
La religiosità napoletana non è una singolare categoria culturale, come si asseriva negli anni dell'Illuminismo. È però espressione del senso del destino, della scienza del probabile e dell'ironia, ossia dell'ethnos suo proprio. In questo senso a Napoli era popolare anche la pietà del dotto, dell'artista, del pensatore, dell'aristocratico santo. Perciò simbolo ne sono sia Vico che Pulcinella, sia Solimena che sant'Alfonso. Soprattutto con l'ironia il popolo lasciò cadere le ragion di Stato e quelle di Chiesa, così evitò il disegno ecclesiastico di costituire la città come capitale della Controriforma. Su questo fondamento De Maio ha indagato intorno al misterioso fenomeno della religione a Napoli, accogliendo voci e problemi provenienti da una documentazione sterminata e disciplinando la sintesi attraverso le immagini delle strutture, della cultura e del comportamento. Che lascito è stato questa religiosità ? Perchè mai questa pietà liberale e affettuosa ha ostacolato il formarsi della coscienza civica? Generava energie etiche o induceva alla pigrizia?

L'AUTORE

Romeo De Muso, nato a Salerno, è ordinario di Storia Moderna e titolare di Storia del Rinascimento presso la Facoltà di Lettere dell'Università di Napoli Federico II. È stato direttore della Scuola Vaticana di Biblioteconomia, scriptor latinus della Biblioteca Vaticana, Honor-Guest al Warburg and Courtauld Institutes. È autore di Michelangelo e la Controriforma (Roma-Bari, 1978), un classico della storiografia contemporanea. Fra gli altri suoi studi segnaliamo Bonsignore Cacciaguerra (Milano-Napoli, 1964), Savonarola e la Curia Romana (Roma, 1969), Società e vita religiosa a Napoli nell'età moderna 1656-1799 (Napoli, 1971, prima ed. del presente testo), Riforme e miti nella Chiesa del Cinquecento (Napoli, 1973), Pittura e Controriforma a Napoli (Roma-Bari, 1983), Pulcinella, il filosofo che fu chiamato pazzo (Firenze, 1989), Il Codice Flora, una pinacoteca miniata (Napoli, 1992), Donna e Rinascimento. L'inizio della rivoluzione (Napoli, 1995).
Isbn
8881144360
Formato
17x24
Nr. Pagine
372
Mese Pubblicazione
Maggio
Anno Pubblicazione
1997