0113084130.jpg
Passione Savinio
SKU: 0113084130
Iermano Toni - Sabbatino Pasquale
20,00 €

Isbn
9788849527001
Collana:

"Viaggio d' Europa - Culture e Letterature"
Vai alla collana >>>

Nr. Volume
22
Nr. Pagine
160
Formato
17x24
Mese Pubblicazione
Settembre
Anno Pubblicazione
2013

Gli anniversari spesso ci offrono il pretesto per realizzare delle passioni. E di passione non è fuori luogo parlare a proposito di Andrea De Chirico, che tra il 1910 e il 1915, durante la sua prima permanenza a Parigi, diventa Alberto Savinio (Atene, 1891 - Roma, 1952), definito da Leonardo Sciascia «il più grande scrittore italiano tra le due guerre»: certamente uno degli autori più lucidi ma al tempo stesso più pirotecnici della nostra letteratura. A sessant’anni dalla sua scomparsa abbiamo voluto riunire intorno alla sua memoria un gruppo di studiosi, tra cui molti giovani, in una città, Napoli, che del resto con Savinio ha intrattenuto un rapporto non marginale, a cominciare dal viaggio di nozze nel 1926, con arrivo al porto e soggiorno a Capri, descritto epicamente in articoli raccolti in un libretto postumo, alla visita al Museo Nazionale per guardare le pitture pompeiane nel 1946, fino alle meravigliose dieci tempere commissionate dalla Società di Navigazione Tirrenia per la sede di palazzo Sirignano negli anni Quaranta (dipinti quasi sconosciuti e di recente andati all’asta) e al partecipe interesse di un grande maestro come Salvatore Battaglia per la sua opera letteraria. Di fronte a questa figura maestosa ed eccentrica della cultura europea del Novecento è difficile rimanere tiepidi: Alberto Savinio o lo si ama, anche nelle sue geniali stranezze, o lo si accantona con ostentata indifferenza, strada questa seguita da tanti «arcivescovi» e benpensanti delle nostre patrie lettere per usare le parole beffarde e sferzanti di Giacomo Debenedetti. Senza alcuna pretesa di esaustività, il convegno si è proposto di esplorare il complicato mondo di Savinio nella ricchezza dei suoi aspetti, dai quali ognuno ha attinto quelli più in sintonia con la propria sensibilità: le sue fantasie, il suo umorismo, la sua dichiarata eresia, la sua originalissima capacità di leggere il tempo, di ascoltare la voce degli oggetti, il suo interesse per il corpo della parola, il suo rapporto intimo e personalissimo con il classicismo, il suo stendhalismo.

(dall’Introduzione di Toni Iermano e Pasquale Sabbatino)

I CURATORI
Toni Iermano
(Università degli Studi di Cassino e del Lazio meridionale) e Pasquale Sabbatino (Università degli Studi di Napoli «Federico II») per le Edizioni Scientifiche Italiane hanno curato i volumi Il racconto del Risorgimento nell’Italia nuova tra memorialismo, narrativa e drammaturgia (2012) e La nuova scienza come rinascita dell’identità italiana. La Storia della letteratura italiana di Francesco De Sanctis (2012). Insieme hanno ideato e curato il numero monografico della rivista «Studi rinascimentali» dedicato a Medioevo e Rinascimento nella storiografia letteraria italiana tra Otto e Novecento (2010) e il volume La comunità inconfessabile. Risorse e tensioni nell’opera e nella vita di Elio Vittorini (2011). Inoltre sono i coordinatori scientifici del Comitato nazionale per il bicentenario della nascita di Francesco De Sanctis (1817-2017). Dirigono per la ESI la collana «Viaggio d’Europa. Culture e letterature» e per Fabrizio Serra Editore «Studi Desanctisiani». Rivista internazionale di Letteratura Politica Società.

Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved
NOTA! Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili .
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Approvo', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.