NOTA! Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili .
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Approvo', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie. 
Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.
0111024110.jpg0111024110.jpg
Il tema del tabacco
SKU: 0111024110
Scalamandre Raffaele
26,00 €

Isbn
9788849521566
Collana:
Nr. Volume
18
Formato
15x22
Nr. Pagine
224
Mese Pubblicazione
Dicembre
Anno Pubblicazione
2011
In questi saggi, che per certi aspetti rimandano al campo della Letteratura comparata, l'Autore presenta il «tema del Tabacco» nella poesia italiana e francese dai primi del Settecento alla fine dell'Ottocento, precisamente in un tempo «determinato», anche ideologicamente, che si estende dal 1714, con La Tabaccheide di Baruffaldi, al 1895, con i versi di Toute l'âme rèsumÈ e di Mallarmè. Il Tabacco è oggetto di una scelta tematica nei poemetti didascalici, giocosi, lirici di cinque autori (Baruffaldi, Arisi, Vadè, Navasa, Ammirà ). Pur apparendo occasionale, lo stesso tema, animato da intense situazioni esistenziali, raggiunge un notevole rilievo nel corso dell'opera complessiva di altri cinque poeti (Baudelaire, Corbière, Rimbaud, Rollinat, Mallarmè). Una poesia di un autore del '700 (Desforges-Maillard) ha la funzione di un intermezzo. Qualunque sia l'importanza delle loro opere - caratterizzate anche dalla scelta del linguaggio «poissard» delle Halles parigine, del dialetto calabrese o di quello del Berry -, gli autori sono innanzitutto presentati nella loro individualità . Pur rinunciando a puntuali raffronti, l'A. ha rilevato gli accostamenti tra i vari testi, che si rispecchiano, infine, in vario grado, nel disegno di una storia minore, sociologica e letteraria, che affiora a ogni importante snodo culturale.

L'AUTORE
Ispettore emerito del Ministero della P.I. per le lingue straniere, Raffaele Scalamandrè ha studiato vari aspetti della «Civilisation» francese e italiana, dall'Umanesimo al Simbolismo. Ricordiamo: Un poeta della preriforma. Ch. Fontaine, Epistres, Chantz royaulx, etc, (Cod. inedito Vat. Regina Lat. 1630), Roma, Ed. di Storia e Letteratura, 1970; Fr. Vielè-Griffin e il Platonismo - Storia e miti di un poeta simbolista, ivi, 1981; Guy Lavaud: un poète de l'Univers dans le sillage du Symbolisme, Paris, Nizet, 1984; Rabelais e Folengo e altri studi di Letteratura francese del XVI sec., Roma, Edizioni di Storia e Letteratura, 1998; Mazzarino e l'arte italiana in Francia, Napoli, ESI, 2001; Storia e poesia di Baudelaire, ivi, 2002. Va anche segnalato il suo studio, con molti inediti, su Michele Morelli e la rivoluzione napoletana del 1820-'21, Roma, Gangemi, 1993. Ha collaborato a varie riviste: «L'Italia che scrive», «Contacts franco-italiens», «Terzo Programma » (Rai)», «Studi Napoleonici», «Bèrènice». R. Scalamandrè è Presidente onorario della «Società Italiana dei Francesisti».
Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved