0199497000.jpg0199497000.jpg
Paese di eriche e ginestre
SKU: 0199497000
Bruno Francesco
14,46 €

Isbn
8881149168
Formato
13x21
Nr. Pagine
204
Mese Pubblicazione
Ottobre
Anno Pubblicazione
1999
Un paese, Velina (cioè Ascea), come metafora della storia, della vita, una provincia dell'anima riscoperta con il prodigio della memoria, idealizzata con il potere della fantasia e della trasfigurazione: il romanzo Paese di eriche e ginestre, inedito, è l'ultimo testo, che Francesco Bruno stava scrivendo nel momento della scomparsa. Rappresenta il punto di saldatura di un'ellisse immaginativa e creativa, alla cui origine si pone la silloge di racconti intitolata Frate Gesù, il primo libro pubblicato nel 1924, e alla fine quest'opera imperniata su una vicenda nella quale si animano storie di destini di donne e di uomini ambientate nel cilentano paese natìo dell'Autore, Ascea, quasi a volere simbolizzare l'inizio e la conclusione dell'arco della sua lunga attività letteraria e raccontare l'amore per la terra d'origine, per la sua gente, per le sue radici. Nell'anno del centenario della nascita di Francesco Bruno questo romanzo riconferma la sua originale vocazione di narratore, rivisita leggende, miti e tradizioni popolari che ormai vanno scomparendo, rivela un arcaico mondo georgico e bucolico, e la natura ancora incontaminata, ascoltata con inusitate, suggestive vibrazioni liriche e linguistiche e un doppio piano di narrazione.

L'AUTORE

Francesco Bruno, (Ascea [Salerno], 28 maggio 1899 - Napoli, 20 novembre 1982), Critico letterario, scrittore, giornalista, ha scritto nelle testate più importanti, ha fondato e diretto riviste Culturali (fra le quali ricordiamo Il Progresso, Contenuti, Il Cilento, La Vetta) e si è occupato, fra i primi, delle poetiche del Novecento, del Neo-realismo, delle problematiche dell'estetica contemporanea e del romanzo cattolico principalmente francese e, fra gli altri, di Mauriac Bernanos, Green, Valèry, Mallarmè, Breton, Bergson, George, Daniel-Rops, Pasternak, e degli italiani Serao, Tozzi, Betti, Borgese, Jovine, Bernari, Gatto e altri, pubblicando la prima monografia critica dedicata a Grazia Deledda. È autore dei volumi: Frate Gesù (racconti, 1924); Il problema estetico contemporaneo (1928); Narratori tradizionali (1932); Poetica di Paul Valèry (1932); Problemi e figure della nuova poesia (1933); Grazia Deledda (1935); Novecento Europeo (1937); La poesia d'oggi, 1945- 1965 (1966); Arte e Critica (1967); Letteratura meridionale (1968); La Scapigliatura Napoletana e Meridionale (1971); La terra e il Paradiso (poesie, 1976); Gli scrittori nel Mezzogiorno (1981); Umanesimo e contro-Umanesimo (postumo, 1984, con prefazione di Aldo Vallone); Storia e genesi delle Avanguardie letterarie. Il Futurismo (1996); Luigi Pirandello, l'Arte e il Decadentismo (1998); Il Decadentismo in Italia e in Europa (1998); Profeti disarmati (1999). Ha lasciato numerose opere inedite di saggistica, narrativa e poesia.
Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved
NOTA! Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili .
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Approvo', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa. Privacy Policy