0192283000.jpg0192283000.jpg
L'altro Omero. Scienza e storia nelle metamorfosi di Ovidio
SKU: 0192283000
Todini Umberto
23,00 €
Esaurito Avvisami!

Isbn
887104472X
Collana:

"Univ.degli Studi di Salerno Pubblicazioni - Sezione Studi di Filologia, Letteratura, Arte, Storia e Archeologia del mondo classico"
Vai alla collana >>>

Nr. Volume
3
Formato
17x24
Nr. Pagine
182
Mese Pubblicazione
Giugno
Anno Pubblicazione
1992
Il modello degli Annali di Quinto Ennio, detto poi pater di Roma, domina - pur perduta l'opera - le nostre conoscenze su un genere epico che a Roma, diversamente che in Grecia, ricorse ad una dottrina dell'anima preliminare all'illustrazione storica. Iniziò Ennio col suo proemiale sogno di reincarnazione in Omero, che gli valse la fama di altro Omero; proseguì Lucrezio col De rerum natura, che ne fece una sorta di altro Epicuro. Quell'Epicuro di Roma che, impietoso, indicò nell'amore della conoscenza e non nel mito nazionalistico, la sola grandezza possibile. Proseguì e concluse questo ciclo di canto e di riflessione scientifico-storica, Ovidio Nasone. Ad una Roma imperiale, ebbra e sanguinaria pacificatrice del mondo, egli offrì le Metamorfosi: apoteosi inquietante di un destino storico fatto non di certezze ma di forme mutanti, raccontata dal poeta nei molteplici miti essenziali, e illustrata, nell'ultimo libro, da un «altro Pitagora», maestro che spiega a Numa e ai romani i rapporti inscindibili tra etica e non violenza. Questo Pitagora inconsueto - tra Ennio e Lucrezio, tra Omeio e Epicuro - viene riscoperto, nella prima parte di questo studio, grazie ai rapporti imitativi tra le Metamorfosi e gli Annali; nella seconda, attraverso la messa in evidenza della bipolarità della struttura dell'opera; infine, in una riflessione d'assieme su scienza e storia suggerita dalla lettura combinatoria e commutativa che Ovidio conduce sui suoi modelli. Lettura che ne fa il poeta più scientifico e forse più sapiente del mondo antico.

L'AUTORE

Umberto Todini (Roma, 1941) insegna Letteratura latina presso l'Università di Salerno. È autore di studi sulla letteratura latina arcaica tra cui il volume Il pavone sparito (Roma, 1983); su Ovidio: Considerazioni sulle Metamorfosi in AA.VV., Poesia cultura ideologia nell'opera di Ovidio, (Napoli, 1992); sui Carmina priapea, tra cui Il giardino di Priapo, in AA.VV., Pensare il giardino (Milano 1992); sui rapporti tra cultura moderna e classica: Roma nella rivoluzione francese. Il modello e il suo doppio, nel volume AA.VV., La Grecia antica. Mito e simbolo per l'età della Grande Rivoluzione (Milano 1991).
Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved
NOTA! Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili .
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Approvo', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.