0511094110.jpg0511094110.jpg
Gino Chierici - Tra teorie e prassi del restauro
SKU: 0511094110
Amore Raffaele
45,00 €

Isbn
9788849522280
Collana:

"RestauroConsolidamento"
Vai alla collana >>>

Nr. Volume
8
Formato
17x24
Nr. Pagine
352
Mese Pubblicazione
Luglio
Anno Pubblicazione
2011
Gino Chierici è stato uno dei personaggi più rappresentativi della cultura del restauro tra le due guerre, ma gli studi e le ricerche sulla sua attività sono relativamente pochi e, in taluni casi, parziali. Per tale ragione il saggio, costituisce un necessario approfondimento del contributo del soprintendente in un lungo e complesso periodo storico, dal 1920 al 1961, in cui la sua attività si sviluppa in Toscana, Campania e Lombardia. Dallo studio si evince, in maniera critica, la complessità della figura dello studioso toscano, attento e scrupoloso storico dell'architettura e restauratore, il quale, pur applicando sempre nella prassi operativa il metodo filologico, fu consapevole che esso non doveva mai risultare fine a se stesso, ma costituire il fondamento dell'interpretazione estetica, anticipando temi e riflessioni critiche sul restauro che segneranno l'evoluzione disciplinare nel secondo dopoguerra, anticipando alcune posizioni del restauro critico. Il saggio sottolinea, altresì, come Chierici abbia rappresentato con i suoi insegnamenti un sicuro punto di riferimento per oltre quaranta anni, contribuendo con la sua opera divulgativa e pratica alla formazione di moltissimi tecnici ed operatori delle soprintendenze del secondo dopoguerra. La sua avversione alle coeve teorie del restauro, poi, testimonia l'attualità del suo insegnamento, caratterizzato - più che dal ricorso a indirizzi e classificazioni di matrice giovannoniana - dalla riflessione sui principi del restauro, sulla formazione e sulle capacità del restauratore, nonchè sulle finalità stesse dell'intervento conservativo.

L'AUTORE
Raffaele Amore
, laureato in Architettura, è dottore di ricerca in Conservazione dei Beni Architettonici (2003). Dal 1999 collabora ad attività didattiche nei corsi di Restauro architettonico e partecipa a ricerche di rilevante interesse nazionale nel Dipartimento di Storia dell'Architettura e Restauro della Facoltà di Architettura dell'Università di Napoli Federico II. È autore di articoli e saggi inerenti l'ambito disciplinare del restauro, tra i quali si segnalano: Innovazioni e restauri nel Teatro San Carlo negli anni Trenta (2007); Prime applicazioni del calcestruzzo armato nella trasformazione di antichi edifici a Napoli (2007); Il restauro delle superfici' di Castel del Monte: alcune considerazioni sugli interventi eseguiti negli anni Trenta (2008); Il contributo di Gino Chierici al dibattito sul restauro negli anni quaranta (2008); Colore e stratificazioni storiche: questioni di metodo (2008); Roberto Siano: un ingegnere napoletano della Soprintendenza all'Arte Medioevale e Moderna della Campania (2010). Dal 2005 è docente a contratto di Fondamenti di Restauro presso la Facoltà di Architettura dell'Università degli Studi Napoli Federico II. Ha svolto nel corso degli anni, anche in gruppo, attività di progettazione e direzione lavori nel campo del restauro e del consolidamento di antichi edifici.
Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved
NOTA! Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili .
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Approvo', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa. Privacy Policy