NOTA! Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili .
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Approvo', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie. 
Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.
Giulio Bucci (1837-1887) e il podere modello di Lamalunga
SKU: 0818142180
Mastrolia Franco Antonio
16,00 €

Collana:

"Cultura ed Economia" 
Vai alla collana >>>

Nr. Volume
22
Formato
17x24
Nr. Pagine
92+32 f.t.
Mese Pubblicazione
Ottobre
Anno Pubblicazione
2018

Tra i protagonisti del risorgimento agrario meridionale spicca Giulio Bucci che negli anni Settanta dell’Ottocento da Napoli si trasferisce nella tenuta di Lamalunga, distante quasi venti chilometri da Minervino Murge. Con grandi sacrifici e investimenti, dopo anni di intenso lavoro, migliora la produzione dei cereali, dedicandosi poi al settore vinicolo e oleario con successo. Lo stabilimento vinicolo e le industrie annesse, come la distilleria delle vinacce e l’estrazione del cremore di tartaro con perfetti macchinari e la cantina «monumentale», sono visitate da docenti e studenti, enologi e viticoltori italiani e stranieri, con pubblici riconoscimenti e in diverse mostre con medaglie d’oro e diplomi di benemerenze. Il podere-modello di Lamalunga si distingue nel Mezzogiorno. Giulio Bucci, esempio di modernità imprenditoriale, scompare nel 1887, in un momento di grande difficoltà per l’economia italiana.

L'AUTORE
Franco Antonio Mastrolia insegna Storia Economica nell’Università del Salento. È socio della Società Italiana degli Storici Economici e dell’Associazione Italiana per il Patrimonio Archeologico Industriale. I suoi interessi hanno privilegiato la storia dello sviluppo economico in Terra d’Otranto (XVIII-XX secolo), della Svizzera (XIX-XX secolo) e delle relazioni dell’Italia con alcuni paesi del Mediterraneo (XIX-XX secolo). Autore di oltre cinquanta saggi, per i nostri tipi ha pubblicato Società e risorse produttive in Terra d’Otranto durante il XIX secolo (con M. de Lucia), 1988; Agricoltura, innovazione e imprenditorialità in Terra d’Otranto nell’Ottocento, 1999²; Agricoltura, allevamento e industrie alimentari nell’economia svizzera (1890-1914), 1999; Istituzioni e conoscenze agrarie in Terra d’Otranto (1810-1910), 2000; La pesca delle spugne nel Mediterraneo del secolo XIX, 2003; Tra terra e mare. Aspetti dell’economia di Terra d’Otranto (1861-1914), 2010; Personaggi «benemeriti» del mondo agricolo in Terra d’Otranto nell’Ottocento, 2012; La pesca delle spugne nel Mediterraneo (1900-1939). Produzione, commercio, mercati e legislazione, 2016; Istituzioni e conoscenze agrarie in Terra d’Otranto (1910-1930), 2018; ed inoltre La Camera di Commercio di Brindisi fra storia ed economia, Manduria, 2006; Giuseppe Elia (1821-1887). L’Uomo, l’Amministratore, l’Imprenditore nell’Ottocento di Terra d’Otranto (con M. Ciracì), Manduria, 2013. Dal 2009 la biografia è inserita nel Marquis Who’s in the World, New Previdence (Usa).

Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved