NOTA! Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili .
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Approvo', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie. 
Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.
La regola del mondo
SKU: 8618003180
García Pascual Cristina - Ansuátegui Roig Francisco Javier - Bilotti Domenico
14,00 €

Isbn
9788849535143
Collana:

"« L'Europa del diritto »" 
Vai alla collana >>>

Nr. Volume
16
Formato
13x21
Nr. Pagine
88
Mese Pubblicazione
Giugno
Anno Pubblicazione
2018

Il volume raccoglie gli “atti” del seminario di studi «Norma Mundi. La lotta per il Diritto internazionale », organizzato dall’Università “Magna Græcia” di Catanzaro nell’àmbito del corso del Dottorato di ricerca in «Teoria del Diritto e Ordine Giuridico ed Economico Europeo», e tenuto a Catanzaro nel giugno del 2016. Il tema affrontato riguarda la questione esistenziale del diritto internazionale; una problematica che da sempre affascina e al contempo assilla il teorico del diritto, giacché, forse come nessun altro ramo del sapere giuridico, ripropone tutti i problemi fondamentali della natura del diritto, e con un’intensità singolare. Non è forse un caso che illustri pensatori, come Kant e Rousseau, e filosofi del diritto, tra cui Rawls e Dworkin, ne abbiano fatto una sorta di “clausola di chiusura” del proprio pensiero, a cui dedicare le riflessioni più mature. Eppure, nonostante gli oltre settant’anni ormai trascorsi dall’invito con cui Kelsen esortava i giuristi ad impegnarsi nel «perfezionamento lento e costante dell’ordinamento giuridico internazionale», il diritto internazionale si presenta, in realtà, ancora piuttosto debole, talvolta addirittura inconcludente, lamentando, non soltanto come disciplina ma pure come pratica, uno statuto epistemologico e normativo assai fragile. Lo studio del diritto internazionale sembra ancora impantanato tra la Scilla del discorso descrittivo della politica e delle relazioni di potere, “apologia” dello status quo, e la Cariddi del discorso prescrittivo, avulso dalla realtà e dai tratti troppo ideali, “utopia” di un non esistente e forse non possibile mondo normativo. Di ciò discutono, in maniera argomentata, i protagonisti del dibattito svoltosi a Catanzaro, soffermandosi sull’aspirazione kelseniana di una civitas maxima, mettendone in luce le innegabili potenzialità ed i caratteri più problematici. Il risultato è un’avvincente dibattito, che propone al lettore nuovi spunti di riflessione sulle sfide e i problemi che il diritto internazionale è chiamato a rispondere.

GLI AUTORI
Cristina García Pascual è Professore Titular di Filosofia del diritto e membro fondatore dell’Instituto Universitario de Derechos Humanos presso l’Università di Valencia. È autrice di numerose pubblicazioni scientifiche, tra le quali devono ricordarsi almeno Legitimidad Democrática y Poder Judicial, Valencia 1997, e Norma mundi. La lucha por el derecho internacional, Madrid, 2015.

Francisco Javier Ansuátegui Roig è Professor Catedrático di Filosofia del diritto presso l’Università Carlos III di Madrid ed è stato Direttore dell’Instituto de Derechos Humanos «Bartolomé de las Casas». È altresì Direttore della rivista «Derechos y libertades». Nell’àmbito di una produzione scientifica feconda, si segnalano Razón y voluntad en el Estado de Derecho. Un enfoque filosófico-jurídico, Madrid, 2013 e, per questa collana, Rivendicando i diritti sociali, Napoli 2014.

Domenico Bilotti è Docente di «Diritto e Religioni» presso l’Università “Magna Græcia” di Catanzaro. Tra le sue pubblicazioni più recenti vanno menzionati gli studi Diritto e potere nei rapporti tra le giurisdizioni civili e le autonomie confessionali, Cosenza 2015, e Il diritto e il Corano. Brevi riflessioni a partire dalle letture, Cosenza 2015.

Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved