1108098080.jpg1108098080.jpg
Modelli argomentativi delle teorie giuridiche contemporanee
SKU: 1108098080
Giordano Valeria
24,00 €

Isbn
9788849516678
Collana:

"Societas Nuova Serie"
Vai alla collana >>>

Nr. Volume
7
Formato
15,5 x 22x5
Nr. Pagine
192
Mese Pubblicazione
Luglio
Anno Pubblicazione
2008
Il diritto contemporaneo ha conosciuto un ampio processo di positivizzazione di principi e valori etici. Le Costituzioni (almeno quelle degli Stati di diritto occidentali) hanno incorporato, all'interno del diritto positivo, contenuti morali, precetti etici, valori sostantivi, facendo vacillare la tradizionale distinzione - positivistica - tra diritto e morale. Tra questi principi positivizzati, un ruolo di particolare importanza ha giocato il «principio di uguaglianza». Attraverso la sua interpretazione espansiva, le Corti hanno costruito impegnativi modelli di controllo della razionalità del legislatore, che ne hanno progressivamente esteso l'ambito operativo, sino a confondere i tradizionali confini tra attività interpretativa e politica del diritto. La teoria giuridica, dal canto suo, ha elaborato, sempre a partire dal principio di uguaglianza, sofisticati tentativi di ricondurre il diritto ad una presunta razionalità pratica del discorso normativo. Attraverso l'analisi delle metaetiche che hanno cercato di riscoprire nel concetto di universalizzazione lo strumento per una fondazione proceduralista e razionalista della morale (Toulmin, Baier, Hare) e di alcune teorie argomentative del diritto, che hanno cercato in vari modi di ricucire la separazione tra argomentazione giuridica e argomentazione morale (Alexy, Habermas, Nino, Aarnio), questo lavoro presenta una critica articolata dei tentativi di ricondurre il diritto ad una morale razionalmente fondata e rilancia le ragioni del giuspositivismo critico. Solo quest'ultimo, infatti, è capace di leggere le tensioni tra il diritto e i molteplici punti di vista etici presenti nelle nostre frammentate società , senza pretendere di ricondurre questi ultimi ad un universale moral point of view trascendentalmente fondato. Pur con le migliori intenzioni, infatti, i tentativi di rifondare l'oggettività morale attraverso le strategie proceduralistiche nascondono tutti un pericoloso rischio di eticizzazione del diritto: un rischio dal quale il disorientato giurista contemporaneo può tenersi lontano solo attraverso una sobria, disincantata, ma allo stesso tempo decisa, riaffermazione delle ragioni positivistiche della separazione tra diritto e morale.

L'AUTORE
Valeria Giordano è ricercatrice di Filosofia dei diritto presso la Facoltà di Giurisprudenza dell'Università degli Studi di Salerno. Ha pubblicato Il Positivismo e la sfida dei principi (Napoli 2004).
Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved
NOTA! Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili .
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Approvo', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa. Privacy Policy