0790392000.jpg0790392000.jpg
La repressione del furtum in età arcaica. Manus iniectio e duplione damnum decidere
SKU: 0790392000
La Rosa Renato
23,00 €

Isbn
8871042360
Collana:

"Univ.degli Studi di Reggio Calabria"
Vai alla collana >>>

Nr. Volume
14
Formato
17x24
Nr. Pagine
170
Mese Pubblicazione
Giugno
Anno Pubblicazione
1990
La complessiva ricostruzione del sistema arcaico di repressione del furtum , nelle sue diverse possibili configurazioni, consente di individuare il ruolo rivestito dall'oscuro istituto decemvirale del duplione damnum decidere. L'originaria esposizione di ogni fur (manifestus o nec manifestus) alla manus iniectio ancora in età successiva alle XII Tavole - quale può desumersi attraverso un'attenta analisi delle fonti, ed in particolare di quelle plautine - spiega le ragioni per le quali il pagamento del doppio del valore della refurtiva abbia potuto essere considerato dal legislatore decemvirale come un mezzo di attenuazione - perciò riservato al solo fur nec manifestus - della responsabilità del ladro e, in particolare, come strumento patrimoniale di elisione della sua soggezione all'esecuzione personale conseguente alla manus iniectio.

L'AUTORE

Renato La Rosa
(1955), laureato in Giurisprudenza nell'Università degli Studi di Catania, è ricercatore di Diritto Romano nell'Università degli Studi di Reggio Calabria, presso la Facoltà di Giurisprudenza di Catanzaro. Autore di altri scritti in raccolte di studi e riviste romanistiche internazionali, è anche Dottore di ricerca in «Discipline Romanistiche ».
Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved
NOTA! Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili .
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Approvo', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa. Privacy Policy