Unità della giurisdizione e prosecuzione del processo
SKU: 8820059200
del Rosso Fabrizio Giuseppe
62,00 €

Isbn
9788849542325
Collana:

"Università degli Studi di Bari Aldo Moro"
Dipartimento di Giurisprudenza - Serie VI
Vai alla collana>>>

Nr. Volume
177
Formato
17x24
Nr. Pagine
XII+468
Mese Pubblicazione
Giugno
Anno Pubblicazione
2020

Il sistema giurisdizionale italiano, diversamente da quanto avviene in altri ordinamenti europei, non ha accolto il modello dell’unità organica della giurisdizione, bensì quello opposto del pluralismo giurisdizionale. La funzione di assicurare la tutela dei diritti soggettivi e degli interessi legittimi (art. 24 Cost.) non è, infatti, esercitata soltanto dalla giurisdizione ordinaria, ma anche dalle giurisdizioni speciali (ad esempio, il giudice amministrativo, quello tributario o quello contabile). In un contesto di tal specie, nel quale peraltro le regole sul riparto di giurisdizione sono spesso di difficile interpretazione, può ben accadere che la parte commetta un errore nella scelta del giudice adìto. Quest’errore può riguardare non soltanto la giurisdizione, ma anche la competenza del giudice o l’esistenza di una convenzione di arbitrato. Tuttavia, per lungo tempo la sanatoria dei vizi processuali in parola è stata oggetto di un diverso regime normativo: mentre l’incompetenza del giudice adìto poteva, come può, essere sanata mediante la riassunzione della causa dinanzi al giudice competente (art. 50 c.p.c.), il difetto di giurisdizione comportava la definitiva chiusura in rito del processo. Il contesto normativo è, però, mutato nel 2009, allorquando con l’art. 59 della l. n. 69/2009 il legislatore ha finalmente sancito la possibilità della prosecuzione del processo da un organo giurisdizionale privo di giurisdizione ad un altro organo nazionale munitone. Alla riforma del 2009 hanno fatto seguito gli artt. 11 d.lgs. n. 104/2010 e 17 d.lgs. n. 174/2016 relativi alla translatio iudicii nel processo amministrativo ed in quello contabile. Il quadro evolutivo è stato, infine, concluso dalla Corte costituzionale che con la sentenza n. 223/2013 ha esteso il principio della continuazione del processo anche nell’ambito dei rapporti tra arbitrato e processo. Oggetto di esame è, pertanto, l’istituto della prosecuzione del processo nell’ottica dell’unità e dell’effettività della funzione giurisdizionale.

L'AUTORE
Fabrizio Giuseppe del Rosso è dottore di ricerca in Teoria generale del processo presso l’Università LUM Jean Monnet di Casamassima (BA), nonché cultore della materia in Diritto processuale civile presso il Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Bari Aldo Moro. È autore di diversi articoli e note a sentenza pubblicati in riviste scientifiche, tra le quali Il giusto processo civile, del cui comitato editoriale è componente.

Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved
NOTA! Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili .
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Approvo', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa. Privacy Policy