NOTA! Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili .
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Approvo', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie. 
Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.
L'introduzione della causa tra sostanziazione e individuazione
SKU: 8818009180
Dalla Bontà Silvana
39,00 €

Isbn
9788849535327
Collana:
"Quaderni de «Il giusto processo civile»"
Vai alla collana >>>
Nr. Volume
12
Formato
17x24
Nr. Pagine
360
Mese Pubblicazione
Gennaio
Anno Pubblicazione
2018
Se illustre dottrina ha a più riprese evidenziato la centralità dell’atto introduttivo del giudizio di cognizione, in quanto atto che rappresenta l’«occasione più appropriata» per «una speculazione che investe la teoria dell’intero processo», l’autrice ritorna sul tema focale dell’introduzione della causa, proponendosi di restituirne indagine sotto specifico angolo visuale e con approccio comparatistico. Lo studio affronta così un selezionato profilo controverso, che attraversa l’ordinamento nazionale come altri ad esso giuridicamente vicini e lontani: quello relativo alla c.d. specificità richiesta all’attore nel descrivere, in seno all’atto introduttivo del giudizio, la pretesa azionata. Nella cornice di questo più generale tema, che non poco ha segnato, in tempi meno recenti, le note teorie della sostanziazione ed individuazione della domanda, l’autrice indaga due questioni ancor’oggi attuali, alla luce dell’evolversi – e complicarsi – del contenzioso domestico (e non solo). Per un verso, quella relativa a quali fatti l’attore debba indicare nell’atto introduttivo onde renderlo valido, con quale precisione egli debba provvedervi ed a quale funzione siffatta indicazione, se necessaria, risponda. Per altro ma contiguo verso, l’autrice indaga se e come l’attore si trovi nelle condizioni di essere (sempre) a conoscenza di quei fatti e, ove non lo sia, se e come l’ordinamento (anche da un punto di vista processuale) lo metta nella posizione di guadagnarla. Muovendo dalla disciplina raccolta nell’art. 163 c.p.c., dedicata all’atto di citazione avanti al tribunale di primo grado – in combinato disposto con l’art. 164 c.p.c., relativo al regime di sua nullità –, lo studio si apre quindi all’analisi comparata con due selezionati ordinamenti, quello tedesco e statunitense, onde verificare quali soluzioni, di diritto positivo ed applicative, essi abbiano offerto sul punto. Fine interpretativo ultimo che questo volume prepara è una (eventuale ri-)lettura della disciplina interna di cui agli artt. 163 e 164 c.p.c.

L'AUTORE
Silvana Dalla Bontà è ricercatrice confermata di diritto processuale civile presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Trento. È autrice di monografie (L’impugnazione delle delibere del Consiglio d’amministrazione nelle Società per Azioni. Studio sui rapporti tra tutela specifica e tutela risarcitoria, 2012; Contributo allo studio del filtro in appello, 2015) e di vari saggi in tema di diritto processuale civile, con particolare attenzione, nell’orizzonte del contenzioso civile e commerciale transfrontaliero, alla dimensione europea e comparata, nonché in materia di diritto processuale tributario. Ha svolto numerosi periodi di ricerca in qualità di guest researcher, anche dietro conseguimento di borse di studio straniere, presso università ed istituti di ricerca europei e statunitensi. Fa parte del Comitato di redazione delle riviste «Il giusto processo civile» e «Diritto e pratica tributaria».
Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved