Politica criminale e riprogettazione del codice penale
SKU: 8021003210
Stile Alfonso Maria - Mongillo Vincenzo
45,00 €

Isbn
9788849544947
Collana:

"Associazione di studi penali e criminologici" 
Vai alla collana >>>

Nr. Volume
5
Formato
13,5x21
Nr. Pagine
334
Mese Pubblicazione
Gennaio
Anno Pubblicazione
2021

Il codice penale vigente, dopo un’innumerevole serie di modifiche, innesti e potature, è un lontano parente del Codice Rocco, ma è anche agli antipodi dell’idealtipo ottocentesco, dunque dei suoi valori di certezza, coerenza, sistematicità e razionalità contenutistica. Le incertezze socio-culturali, il populismo penale e le derive securitarie del nostro tempo generano forte scetticismo sulle possibilità di una riforma organica del codice penale. In questo quadro è maturato l’inatteso innesto nel codice dell’art. 3-bis («riserva di codice»). Può il codice penale realmente recuperare la centralità perduta? È possibile rimediare al disordine della decodificazione? O, all’opposto, v’è il rischio che altre norme “eccezionali”, prima relegate nella legislazione complementare, penetrino nel tessuto codicistico? Ne hanno discusso – in occasione del conferimento al Prof. Francisco Muñoz Conde del IX Premio Internazionale Silvia Sandano – illustri studiosi di diritto penale, italiani e stranieri, da una prospettiva non solo nazionale.

I CURATORI
Alfonso Maria Stile è Professore emerito di diritto penale nella Università Sapienza di Roma, Vicepresidente onorario dell’Association Internationale de Droit Pènal e Vicepresidente onorario del Siracusa International MInstitute. Ha fatto parte di commissioni ministeriali di riforma della legislazione penale e del codice penale. È autore e curatore di numerose pubblicazioni ,scientifiche, tra cui Il giudizio di prevalenza o equivalenza tra le circostanze (1971); Omissione,, rifiuto e ritardo di atti di ufficio (1974); Prospettive del nuovo processo penale: il progetto esposto e commentato (1978); Bene giuridico e riforma della parte speciale (1985); Amministrazione pubblica (delitti contro la) (1987); Responsabilità oggettiva e giudizio di colpevolezza (1989); Le discrasie tra dottrina ,e giurisprudenza in diritto penale (1991); La commisurazione della pena nel contesto attuale del sistema sanzionatorio (1991); La riforma della parte generale del codice penale: la posizione della dottrina sul progetto Grosso (2003); Corporate Criminal Liability and Compliance Programs. First Colloquium (2012); I principi fondamentali del diritto penale tra tradizioni nazionali e prospettive sovranazionali (2015).
Vincenzo Mongillo è Professore ordinario di diritto penale nella Università degli Studi di Roma Unitelma Sapienza. È stato consulente di commissioni parlamentari e ha fatto parte di commissioni ministeriali di riforma della legislazione penale. È autore o curatore di numerose pubblicazioni scientifiche, tra cui le monografie La responsabilità penale tra individuo ed ente collettivo (2018) e La corruzione tra sfera interna e dimensione internazionale (2012), nonché i volumi Lobbying e traffico di influenze illecite. Regolamentazione amministrativa e diritto penale (2019), Common law e civil law: quale «grammatica» per il diritto penale? (2018), Infortuni sul lavoro e doveri di adeguata organizzazione: dalla responsabilità penale individuale alla «colpa» dell’ente (2014), La responsabilità da reato degli enti collettivi: a dieci anni dal d.lgs. n. 231/2001 (2013).

Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved
NOTA! Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili .
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Approvo', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa. Privacy Policy