• +39 081 7645443
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Ricerca Avanzata Ricerca Avanzata
7412111110.jpg7412111110.jpg
7412111110.jpg

Le regole di giudizio tra archiviazione e proscioglimento

SKU: 7412111110
Autore:
Cecanese Gianfederico
Collana:

"Univ.degli Studi del Molise - Dipartimento Giuridico"
Vai alla collana >>>

Array
35,00 €
48h.png

PDFStampaEmail
Il tema relativo alle regole di giudizio rappresenta un argomento di viva e palpitante attualità in considerazione delle numerose implicazioni che ad esso sono ontologicamente connesse. Ci si riferisce al comportamento che va osservato dall'Autorità Giudiziaria nel momento in cui deve determinarsi: in particolare, al pubblico ministero nella scelta tra azione ed inazione e al giudice nel momento in cui deve adottare una decisione. In presenza di particolari condizioni, invero, la regola di giudizio impone di assumere determinazioni peculiari nell'ottica di evitare attività procedimentali o giurisdizionali inutili e/o superflue. È evidente, allora, che la regola orienta i comportamenti e condiziona le scelte del pubblico ministero riducendo i margini di discrezionalità nell'adempimento del dovere di agire. Nella fase processuale, invece, la regola impone di arrestare la «progressione processuale» in presenza di determinati presupposti. In questo contesto, si inserisce l'istituto dell'immediata declaratoria di determinate cause di non punibilità , con cui si persegue l'interesse dell'imputato ad ottenere la rapida definizione del processo. L'immediatezza che la contraddistingue scandisce i tempi e la fase entro cui deve operare e soggiace solo nel caso in cui l'imputato deve essere prosciolto con una formula più favorevole. Il testo, oltre ad analizzare l'evoluzione storica dell'istituto, propone una riflessione sulle diverse formule di proscioglimento e sui rapporti tra le differenti regole di giudizio che operano nelle fasi procedimentali, sempre nella prospettiva di evitare attività inutili.

L'AUTORE
Gianfederico Cecanese
(Benevento 1970) è ricercatore di procedura penale presso la Facoltà di Giurisprudenza dell'Università degli Studi del Molise ove è titolare degli insegnamenti di diritto dell'esecuzione penale e di diritto penale applicato alle professioni sanitarie. Tra le sue pubblicazioni si segnala il saggio I rapporti tra la sentenza che applica la pena e il giudizio disciplinare, in Patteggiamento allargato e sistema penale, a cura di A. De Caro, Milano, 2004 e le voci pubblicate sul Digesto penale Pena e benefici penitenziari e Indagini collegate.
Isbn
9788849522471
Nr. Volume
34
Formato
17x24
Nr. Pagine
272
Mese Pubblicazione
Aprile
Anno Pubblicazione
2012