NOTA! Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili .
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Approvo', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie. 
Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.
0792470000.jpg0792470000.jpg
Il diritto penale tra essere e valore - Funzione della pena e sistematica teleologica
SKU: 0792470000
Moccia Sergio
24,00 €

Isbn
8871044657
Collana:

"Studi di Scienze Penalistiche Integrate"
Vai alla collana >>>

Nr. Volume
1
Formato
17x24
Nr. Pagine
324
Mese Pubblicazione
Giugno
Anno Pubblicazione
1992
La costruzione di un sistema penale, adeguato alle esigenze dello stato sociale di diritto, deve risultare coerente con le opzioni fondamentali da cui ha origine la struttura ordinamentale, espressiva di ideologie liberal-solidaristiche. Vanno, dunque, assicurate garanzie formali e individuali (stato di diritto) nonchè garanzie sostanziali e superindividuali (stato sociale). Da queste esigenze primarie discende per il diritto penale una serie di corollari che, sotto forme di principi di derivazione costituzionale, divengono dei referenti imprescindibili per l'elaborazione del sistema. Tali principi trovano la loro più completa espressione quando agiscono in collegamento l'uno con l'altro, ed il loro trait d'union fornito dalla funzione della pena che l'ordinamento ha inteso valorizzare. Essa rappresenta una scelta particolarmente pregnante e dà un'impronta che finisce per caratterizzare tutto il sistema. La definizione normativa della funzione della pena fa di quest'ultima, sotto il profilo metodologico-sistematico, il fine di riferimento privilegiato per la (ri)costruzione del sistema. Diventa così possibile un affidabile recupero, in una prospettiva teleologico-costituzionale, di significative acquisizioni teoriche maturate nell'ambito dell'esperienza giuridica antiformalistica dei primi decenni del Novecento.

L'AUTORE

Sergio Moccia insegna diritto penale nella Facoltà di Giurisprudenza dell'Università di Salerno; è stato collaboratore di Dario Santamaria, presso l'Istituto di diritto penale dell'Università di Napoli, e di Claus Roxin, presso l'Institut für die gesamten Strafrechtswissenschaften dell'Università di Monaco di Baviera. Ha pubblicato, tra l'altro: Carpzov e Grozio. Dalla concezione teocratica alla concezione laica del diritto penale, 1979; Politica criminale e riforma del sistema penale, 1984; Tutela penale del patrimonio e principi costituzionali, 1988; Die italienische Reformbewegung und dai Problem dei Strafrechts im Denken von Gaetano Filangieri und Mario Pagano, in Goltdammer's Archiv für Strafrecht, 1979; Contributo ad uno studio sulla teoria penale di G. W.F. Hegel, in Rivista italiana di diritto e procedura penale, 1984; Ordine pubblico, in Enciclopedia Giuridica Treccani, 1990; Die systematische Fursktion der Kriminalpolitil Grundsätze für ein teleologisch orientiertes Strafrechtssystem, in AA.VV., Bausteine eines gemeineuropäischen Strafrechtssystems, 1992.
Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved