8008111080.jpg8008111080.jpg
Il reato eccessivo
SKU: 8008111080
Caterini Mario
58,00 €

Isbn
9788849516807
Collana:

"Univ.degli Studi della Calabria Facoltà di Economia - Quaderni Dip. Scienze Giuridiche"
Vai alla collana >>>

Nr. Volume
19
Formato
17X24
Nr. Pagine
456
Mese Pubblicazione
Luglio
Anno Pubblicazione
2008
L'accadimento nel quale la volontà dell'agente è superata dall'evento concretamente realizzatosi è un fenomeno con cui la scienza e la legislazione penale si sono confrontate per secoli. L'indagine prende avvio dallo studio dell'evoluzione storica delle categorie concettuali, etiche e filosofiche prima che giuridico-penali, legate al paradigma della preterintenzionalità . Mentre la discussione sul tema si è per lo più incentrata sulle alternative costituite da un'imputazione dell'evento più grave basata sul mero flesso di causalità oppure sulla prevedibilità , viene vagliata, anche alla luce dei lavori preparatori del codice Rocco e della coeva elaborazione dottrinale, la percorribilità di una diversa direzione interpretativa. L'indagine pone in evidenza i punti di contatto esistenti tra preterintenzione e dolo eventuale, evidenziando come quest'ultimo costituisca, al di là di ogni artificio ermeneutico, un atteggiamento di sola previsione e non volontà dell'evento, incompatibile con il concetto di dolo descritto nel primo alinea dell'art. 43 c.p. Per altro verso, la disciplina codicistica di parte speciale in materia di omicidio apparirebbe irragionevole qualora non si individuasse un qualificato disvalore della preterintenzione, in termini, tuttavia, compatibili con i principi costituzionali relativi alla materia penale, primo fra tutti quello di personalità della responsabilità . Il ripudio, sancito dalla giurisprudenza costituzionale e dalla recente elaborazione dottrinale, di una responsabilità per la mera causazione, e, d'altro canto, i principi costituzionali di ragionevolezza e proporzione, che devono informare, in particolare, la dosimetria sanzionatoria, suggeriscono, allora, sia ai fini dell'interpretazione del diritto vigente che in prospettiva de lege ferenda, di ricostruire un modello di preterintenzione contrassegnato da un disvalore d'azione più pregnante della mera prevedibilità , che potrebbe essere dato dall'effettiva previsione dell'evento. Per questa via, da un lato, si potrebbe soddisfare l'esigenza di contenere il campo di operatività dell'imputazione a titolo di dolo, estromettendone il dolo eventuale; dall'altro, si potrebbe riportare nelle giuste proporzioni il rapporto tra disvalore d'evento e d'azione, nel convincimento che la gravità di un reato non possa prescindere dal disvalore della fattispecie soggettiva.

L'AUTORE
Mario Caterini è ricercatore di Diritto penale e insegna Diritto penale e Diritto penale dell'ambiente nell'Università degli Studi della Calabria. Ha pubblicato, tra l'altro: Reviviscenza normativa e legalità penale (2003); Reato impossibile e offensività (2004); Il dolo eventuale e l'errore su norma extrapenale nei reati di falso ideologico (2007).
Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved
NOTA! Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili .
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Approvo', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa. Privacy Policy