NOTA! Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili .
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Approvo', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie. 
Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.
7812120120.jpg7812120120.jpg
Quale lingua per l'Europa?
SKU: 7812120120
Baroncelli Stefania
15,00 €

Isbn
9788849524345
Collana:

"Institut International d'Etudes Européennes Antonio Rosmini"
Vai alla collana >>>

Nr. Volume
24
Formato
17x24
Nr. Pagine
144
Mese Pubblicazione
Settembre
Anno Pubblicazione
2012
Tra il 6 e l'8 ottobre 2011 l'Institut d'Études EuropÈ ennes «Antonio Rosmini» è giunto a celebrare il suo 50 Convegno internazionale, ponendo a tema il ruolo della lingua, quale forma d'identità , quale medium per comunicare, ma anche quale precipitato di concetti e di tradizioni, patrimonio di generazioni e distillato di cultura. Dopo l'integrazione economica e giuridica, l'entrata in vigore del Trattato di Lisbona impone agli Stati una rinnovata e rinforzata tutela dei diritti sociali e civili e, tra questi, del diritto alla lingua. Come riconoscere, ripensare e presidiare nell'Europa allargata il diritto alla lingua dei cittadini europei? C'è, o sarebbe bene che ci fosse una lingua assunta convenzionalmente a matrice d'identità europea? Il volume raccoglie gli atti del convegno, ricchi di spunti originali ed accattivanti, che ambiscono offrire al lettore inusitate prospettive da cui scandagliare il ruolo e la valenza polimorfa della lingua, da intendersi non soltanto quale lemma in senso grammaticale, bensì quale possibile collante degli Europei, uniti (o da unire) nella loro diversità .

I CURATORI
Marcello M. Fracanzani,
ordinario di diritto amministrativo nella Facoltà di Giurisprudenza dell'Ateneo di Udine, avvocato cassazionista, ha insegnato nelle Università di Padova, Bari e all'Accademia Militare di Modena; si è occupato di cittadinanza, tutela della salute, struttura della rappresentanza, interessi legittimi, norme tecniche e servizi pubblici locali. Dal 2008 è direttore dell'Institut International d'Études EuropÈ ennes «Antonio Rosmini » di Bolzano.
Stefania Baroncelli, professore straordinario di diritto pubblico nella Facoltà di Economia della Libera Università di Bolzano; ha tenuto docenze e svolto ricerche presso la Facoltà di Giurisprudenza dell'Università degli Studi di Firenze, l'Istituto universitario europeo di Fiesole, la New York University, l'Università di Aix - Marseille III, nonchè presso l'Università di Innsbruck; si è occupata di integrazione europea, cittadinanza, governo dell'economia.
Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved