NOTA! Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili .
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Approvo', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie. 
Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.
Proprietà e diritto europeo
SKU: 7813150130
D'Amico Giovanni
36,00 €

Il volume raccoglie gli Atti del Convegno di studio su «Proprietà e diritto europeo. Dopo il Trattato di Lisbona», svoltosi a Reggio Calabria nei giorni 11-12 ottobre 2013. Il problema dell’armonizzazione degli ordinamenti europei anche nella materia proprietaria (nonostante il c.d. «principio di neutralità» sancito dall’art. 345 del Trattato sul funzionamento dell’Unione europea, in forza del quale «I trattati lasciano del tutto impregiudicato il regime di proprietà esistente negli Stati membri») comincia ad essere avvertito come un nodo ormai ineludibile. E a far maturare vieppiù tale consapevolezza ha certamente contribuito l’entrata in vigore del Trattato di Lisbona, e in particolare la previsione dell’art. 6 del TUE, secondo il quale i diritti le libertà e i principi contenuti nella Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea (tra cui il diritto di proprietà, disciplinato nell’art. 17) acquistano lo stesso valore giuridico dei Trattati. Il Convegno ha costituito l’occasione per riflettere, tra l’altro, sui rapporti tra i diversi enunciati normativi che – a livello «apicale» (ossia a livello delle previsioni contenute nelle Carte costituzionali dei diversi ordinamenti nazionali, nella Carta europea dei diritti dell’uomo, e, ora, anche nel ricordato art. 17 della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea) – interessano il diritto di proprietà; rapporti che – al di là delle innegabili diversità che tali disposizioni prospettano – è auspicabile conducano ad interpretazioni ed applicazioni, da parte delle relative «Corti», il più possibile coordinate e convergenti.

IL CURATORE
Giovanni D’Amico
è professore ordinario di Diritto Privato nell’Università «Mediterranea» di Reggio Calabria, dove attualmente dirige anche la Scuola di specializzazione per le professioni legali. È autore di monografie (Libertà di scelta del tipo contrattuale e frode alla legge, 1993; Regole di validità e principio di correttezza nella formazione del contratto, 1996; La responsabilità ex recepto e la distinzione tra obbligazioni «di mezzi» e «di risultato», 1999; La compravendita, tomo I, 2013), di alcune voci sull’Enciclopedia del diritto e sugli Annali dell’Enciclopedia del diritto (voce Formazione del contratto, nel vol. II, e Nullità non testuale nel vol. IV), e di numerosi saggi pubblicati in riviste o in opere collettive. È componente della Direzione scientifica della rivista «I contratti», e fa parte inoltre del Comitato di valutazione scientifica della Rivista di diritto civile, di Giurisprudenza Italiana, e della Rivista del Notariato.

Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved