0705133040.jpg0705133040.jpg
Abuso nella concessione del credito
SKU: 0705133040
Di Marzio Fabrizio
36,00 €

Isbn
8849509715
Collana:

"Univ.degli Studi della Calabria Facoltà di Economia - Quaderni Dip. Scienze Giuridiche"
Vai alla collana >>>

Nr. Volume
12
Formato
17x24
Nr. Pagine
284
Mese Pubblicazione
Aprile
Anno Pubblicazione
2005
Sulla questione, gravemente attuale, della concessione abusiva del credito si innesca un pericoloso dissidio tra limiti all'esercizio della libertà contrattuale e promozione delle strategie di superamento della crisi d'impresa. Le perplessità che affliggono la materia sono infatti dovute alla ritenuta inconciliabilità degli interessi coinvolti: da un lato, l'interesse generale alla salvaguardia e al recupero dell'efficienza dell'impresa in crisi insieme all'interesse privato dei suoi finanziatori alla piena espressione della libertà contrattuale; dall'altro, l'interesse generale ma anche singolare a non vedere alterate le condizioni fatte di trasparenza del mercato, cosicchè l'insolvenza non resti celata dalla concessione di credito e gli altri creditori dell'impresa possano tutelarsi conservando la possibilità di una scelta contrattuale consapevole. Un tentativo di recuperare razionalità può essere condotto collocando il problema nella generale architettura dell'ordinamento, dove tali interessi sono frutto di una evoluzione sufficientemente armonica (essendo condizionatamente affermati - nei limiti della liceità , meritevolezza e non abusività degli atti - sia la libertà contrattuale che il recupero dell'impresa in crisi che l'interesse del creditore a tutelarsi nei confronti del debitore insolvente: il tutto nella nuova ottica di edificazione del mercato concorrenziale). A tal fine soccorrono le tematiche dell'abuso della libertà contrattuale, della trasparenza e del contratto ai danni del terzo. Soprattutto la teoria dell'abuso si mostra fondamentale. Nella sua capacità di risolvere la conflittualità tra opposte pretese tutte astrattamente meritevoli di tutela, si offre come tecnica di razionalizzazione della complessità ordinamentale sul piano della concreta operatività delle discipline. Manifesta così una rinnovata attualità .

L'AUTORE

Fabrizio Di Marzio, giudice del Tribunale di Roma e professore a contratto di materie privatistiche presso varie Università (attualmente docente di Istituzioni di diritto presso la facoltà di Scienze manageriali dell'Università di Chieti-Pescara), è autore di numerosi saggi apparsi su rivista. Nella materia del contratto ha pubblicato il volume La nullità del contratto (Padova 1999) e ha curato le opere collettanee Il nuovo diritto dei contratti. Problemi e prospettive (Milano 2004) e Illiceità , immerite. volezza, nullità . Aspetti problematici dell'invalidità contrattuale (Napoli 2004). Nella materia concorsuale ha pubblicato l'opera Prassi e formule di diritto fallimentare. Il caso del Tribunale di Crotone (Napoli 2001).
Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved
NOTA! Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili .
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Approvo', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa. Privacy Policy