• +39 081 7645443
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Ricerca Avanzata Ricerca Avanzata
7808083080.jpg7808083080.jpg
7808083080.jpg Indice

Cooperazione penale nei rapporti fra diritto dell'Unione Europea e diritto statale

SKU: 7808083080
Autore:
Pistoia Emanuela
Collana:

"Univ. degli Studi di Teramo. Collana della Facoltà di Giurisprudenza"
Vai alla collana >>>

Array
47,00 €
48h.png

PDFStampaEmail
Il volume è dedicato all'incidenza del diritto dell'Unione europea in tema di cooperazione giudiziaria penale sul diritto degli Stati membri, con particolare attenzione al diritto italiano. Esso si preoccupa di valutare la misura del «carattere intergovernativo» del Terzo pilastro e, nella prospettiva della «comunitarizzazione» della cooperazione penale, opera una stima dei progressi che questa determini, rispetto alla situazione presente, verso l'obiettivo dell'integrazione europea e, d'altro canto, delle disarmonie che eventualmente lasci persistere in confronto agli altri settori. L'indagine è sviluppata su due versanti corrispondenti: quello che dall'Unione si rivolge agli Stati e quello che dagli ordinamenti statali (nella specie dall'ordinamento italiano) si rivolge al diritto europeo. Sul primo versante, sono approfonditi il significato del diniego di efficacia diretta che caratterizza i principali atti normativi del Terzo pilastro, la portata dell'obbligo di interpretazione conforme, affermato dalla Corte di giustizia con riferimento alle decisioni-quadro, e le conseguenze della «comunitarizzazione» per ambedue i profili. Sul secondo versante, l'incidenza del diritto del Terzo pilastro è valutata sotto tre aspetti: il suo rapporto con la Costituzione italiana (in merito al quale sono considerati altresì gli sviluppi della «comunitarizzazione»), le modalità di attuazione delle decisioni-quadro e delle decisioni e le modalità di attuazione delle convenzioni.

L'AUTORE
Emanuela Pistoia è ricercatrice di diritto internazionale presso l'Università di Teramo, Facoltà di Giurisprudenza, dove insegna Diritto della concorrenza italiano e comunitario. Dottore di ricerca in Organizzazione internazionale, si è occupata del ruolo delle organizzazioni regionali, particolarmente della CSI e della NATO, nel mantenimento della pace anche alla luce del rapporto con le Nazioni Unite. Ha scritto inoltre in tema di condizionalità nel FMI e di cooperazione rafforzata nell'Unione europea. Alla cooperazione penale nel quadro dell'UE ha già dedicato alcune pubblicazioni apparse su riviste e opere collettanee.
Isbn
9788849516524
Nr. Volume
5
Formato
17x24
Nr. Pagine
368
Mese Pubblicazione
Giugno
Anno Pubblicazione
2008