NOTA! Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili .
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Approvo', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie. 
Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.
7513132130.jpg
Interpretare Manipolare Combinare
SKU: 7513132130
Panzera Claudio
43,00 €

Le tecniche decisorie delle Corti costituzionali sono da sempre un fertile terreno di indagine per lo studio della giustizia costituzionale, specie quando la loro evoluzione è frutto di una prassi altamente «creativa» di tali organi, come avvenuto anche in Italia. L’evoluzione in parola viene usualmente descritta a partire da due nuclei tematici, corrispondenti alle principali operazioni di cui il giudice delle leggi si è servito nel suo ruolo di «custode» della Costituzione. Da un lato, la reinterpretazione della disposizione legislativa impugnata (al fine di darle un «senso» costituzionale); dall’altro, la sua manipolazione (togliendo, aggiungendo e sostituendo frammenti normativi in eccesso o in difetto: regole e, all’occorrenza, princìpi). Tali strumenti – giunti al punto di modulare anche gli effetti temporali della dichiarazione di illegittimità – operano trasversalmente rispetto al tipo di pronuncia, sia essa di accoglimento o di rigetto, di merito o processuale. A tali, già sofisticate, operazioni è oggi necessario aggiungere un ulteriore tassello, rappresentato dal peculiare fenomeno – una vera e propria «meta-tecnica» – della combinazione di più tecniche in un’unica pronuncia (c.d. sentenze «miste»). Quest’ultima frontiera della giurisprudenza costituzionale, unitamente ad altri recenti sviluppi (come la «fungibilità» fra alcune tecniche decisorie e l’emersione del c.d. «canone della flessibilità»), induce a ripensare le tradizionali classificazioni in materia, anche alla luce dell’evoluzione del diritto degli ordinamenti contemporanei, come diritto sempre meno certo ma sempre più ragionevole.

L’AUTORE
Claudio Panzera
(1977) è Ricercatore confermato di Diritto costituzionale presso il Dipartimento di Giurisprudenza ed Economia dell’Università «Mediterranea» di Reggio Calabria, dove insegna Diritto regionale e Giustizia costituzionale. Già Dottore di ricerca in «Giustizia costituzionale e diritti fondamentali» presso l’Università di Pisa, ha pubblicato numerosi lavori in tema di giustizia costituzionale, diritto regionale, diritti sociali, fonti del diritto, diritto europeo, federalismo fiscale, responsabilità degli organi statali, laicità dello Stato.

Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved