NOTA! Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili .
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Approvo', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie. 
Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.
7412158120.jpg7412158120.jpg
Rapporti di durata e divisibilità del regolamento contrattuale
SKU: 7412158120
Longobucco Francesco

30,00 €

Isbn
9788849524765
Collana:

"Univ.degli Studi di Camerino Pubblicazioni"
Vai alla collana >>>

Nr. Volume
124
Formato
17x24
Nr. Pagine
288
Mese Pubblicazione
Ottobre
Anno Pubblicazione
2012
A tutt'oggi lo studio dei rapporti di durata rimane, anche in ossequio all'elaborazione tedesca dei Dauerschuldverhältnisse, quasi esclusivamente confinato all'interno del diritto delle obbligazioni. Il lavoro muove da tale assunto per tentare una decostruzione e riconcettualizzazione evolutiva dei rapporti diacronici, non piú identificando il loro tratto caratteristico - com'è, finora, nella communis opinio - nel dato strutturale della solutio reiterata nel tempo e dell'estinzione progressiva dell'obbligazione, bensi individuando di volta in volta la funzione generale di durata che le diverse strutture negoziali, non necessariamente connotate dall'adempimento, consentono di realizzare. In tal modo, il classico riferirsi all'astratta causa temporis obligationis viene integrato con la valutazione del concreto interesse di durata e della meritevolezza dinamica degli interessi coinvolti. Il recupero dell'obbligazione al contenuto del contratto induce dunque a ritenere che il paradigma dei rapporti di durata costituisce soltanto un posterius dell'interpretazione in funzione dell'applicazione di uno speciale statuto normativo incentrato sul recupero degli effetti delle prestazioni/situazioni già eseguite/esaurite (tendenzialmente anche nel caso di novatio legislativa o negoziale sopravvenuta all'originario contratto). Tanto discende dall'effettiva divisibilità funzionale del regolamento, ricavata non piú in base ad un parametro meramente temporale, o desunta dalla semplice durata legale degli effetti del tipo contrattuale, ma piuttosto attraverso un criterio valutativo connesso alla frazionabilità nel tempo del risultato che le parti intendono raggiungere nell'operazione economica conclusa.

L'AUTORE
Francesco Longobucco
è ricercatore di Diritto privato nella Facoltà di Economia «Federico Caffè» dell'Università degli Studi Roma Tre, presso la quale è altresi incaricato dell'insegnamento di Diritto dei consumi. Tutela del consumatore. Ha conseguito il titolo di dottore di ricerca in «I problemi civilistici della persona» nell'Università degli Studi del Sannio. È autore di una monografia dal titolo Violazione di norme antitrust e disciplina dei rimedi nella contrattazione "a valle" (Napoli, 2009), nonchè di saggi, contributi in opere collettanee ed altri lavori minori.
Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved