Le spedizioni proseguono regolarmente -
Ordina online e ricevi i libri a casa tua

Mercati senza scambi. Le metamorfosi del contratto nel capitalismo della sorveglianza
SKU: 7420024200
Quarta Alessandra
60,00 €

Isbn
9788849541700
Collana:

"Univ.degli Studi di Camerino Pubblicazioni" 
Vai alla collana >>>

Nr. Volume
171
Formato
17x24
Nr. Pagine
436
Mese Pubblicazione
Marzo
Anno Pubblicazione
2020

L’accesso al sito web, per visualizzarne i contenuti, informarsi e navigare, descrive un comportamento equiparabile a quello di chi passeggia per le vie del centro città, guardando la vetrina di un esercizio commerciale. Tuttavia, a dispetto del suo equivalente funzionale, esso assume un particolare significato giuridico, giacché esprime l’adesione dell’internauta ai termini d’uso del sito, unilateralmente predisposti dal suo gestore. I termini d’uso sono generalmente qualificati come dei contratti standard; negli anni più recenti, la ricerca civilistica si è principalmente concentrata sulla loro conoscibilità, sulla presenza di clausole abusive e sull’adempimento degli obblighi informativi da parte del predisponente. Un’analisi approfondita degli sviluppi concreti dei rapporti giuridici online consente, però, di rivisitarne criticamente la qualificazione giuridica contrattuale e di dimostrare come non tutti i termini d’uso siano dei contratti. A questa conclusione, sono pervenute anche numerose corti di Stati membri dell’Unione europea e diverse corti statali degli Stati Uniti. Tuttavia, l’horror vacui generato dall’abbandono del perimetro contrattuale ha impedito di descrivere un nuovo inquadramento dei rapporti tra gestori del sito e internauti. Questo volume si occupa di colmare tale lacuna interpretativa, introducendo una proposta tassonomica che prende atto delle imponenti trasformazioni che accadono alla frontiera di Internet. In particolare, la ricerca analizza le imprevedibili metamorfosi che l’istituto del contratto subisce per regolare le transazioni dell’economia delle piattaforme, in cui dal controllo dell’esperienza di navigazione si ricavano i dati, preziosa materia prima del nuovo capitalismo della sorveglianza. I mercati digitali, di cui i termini d’uso costituiscono l’architrave, esistono anche in assenza di scambi e, di conseguenza, il commercio elettronico è soltanto uno degli àmbiti regolati dal contratto. In questo complesso scenario, il superamento dei confini che separano il mondo analogico da quello digitale impone di studiare i termini d’uso dei siti per osservare i tratti inediti che il paradigma contrattuale assume in questo nuovo sistema di produzione, e per elaborare rimedi e tutele all’altezza delle trasformazioni che il diritto privato è chiamato ad affrontare.

L'AUTORE
Alessandra Quarta è ricercatrice di diritto privato presso l’Università di Torino. Ha conseguito il dottorato di ricerca in Dottrine generali del diritto presso l’Università di Foggia e l’abilitazione scientifica alle funzioni di professore di seconda fascia nel settore scientifico-disciplinare del diritto privato. È autrice della monografia Non-proprietà. Teoria e prassi dell’accesso ai beni (Napoli, 2016), nonché di saggi, di capitoli in volumi collettanei e di commenti alla giurisprudenza. È coordinatrice di un progetto di ricerca finanziato dal programma Horizon 2020 dell’Unione europea.

Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved
NOTA! Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili .
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Approvo', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa. Privacy Policy