NOTA! Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili .
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Approvo', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie. 
Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.
0706170050.jpg0706170050.jpg
L'informazione ingannevole nei confronti del consumatore
SKU: 0706170050
Febbrajo Tommaso
31,00 €

Isbn
8849512198
Collana:

"Univ.degli Studi di Camerino Pubblicazioni"
Vai alla collana >>>

Nr. Volume
105
Formato
17x24
Nr. Pagine
352
Mese Pubblicazione
Marzo
Anno Pubblicazione
2006
La trasmissione di informazioni precontrattuali svolge, nella prospettiva italo-comunitaria, il difficile compito di garantire la consapevolezza dell'agire negoziale del consumatore. I flussi informativi finalizzati al superamento della condizione di strutturale ignoranza in cui versa il consumatore sono oggetto di numerosi ed articolati doveri a carico del professionista previsti nelle diverse regolamentazioni di settore e costituiscono la linea direttrice su cui si sviluppa il Codice del consumo (d.lgs. 6 settembre 2005, n. 206). Più in generale, ai consumatori è riconosciuto il "fondamentale" diritto ad una adeguata informazione ed alla trasparenza nei rapporti contrattuali (art. 2 cod. cons.). Nel quadro disciplinare mancano, tuttavia, indicazioni specifiche circa le conseguenze derivanti dalla trasmissione di dati ingannevoli; di dati, cioè che, contenendo informazioni false o reticenti sul profilo economico del contratto, sono in grado di condizionare il comportamento del consumatore, spingendolo ad assumere decisioni che altrimenti non avrebbe preso. Si avverte, pertanto, l'esigenza di ricercare all'interno del sistema inteso nella sua unitarietà , la disciplina del fenomeno dell'informazione ingannevole più congrua rispetto agli interessi tutelati, superando così la lacuna regolamentare che rende i diritti dei consumatori sostanzialmente "disarmati". Le plurime soluzioni prospettabili (vincolatività dell'informazione preliminare, responsabilità precontrattuale, errore e dolo incidente) conducono al medesimo risultato di tutela dell'affidamento del consumatore in ordine al trattamento economico delineato nell'informativa preliminare. In tutte le ipotesi analizzate, il consumatore vittima di informazioni ingannevoli trova un rimedio di natura manutentiva a tutela dell'integrità del suo consenso, in grado di ricondurre il contratto concluso alle condizioni che legittimamente confidava di ottenere: ciò che è stato comunicato nella fase preliminare diviene contenuto del contratto ed il tentativo di ingannare il consumatore, vincolandolo ad un regolamento «a sorpresa», è destinato a fallire.

L'AUTORE

Tommaso Febbrajo
è dottore di ricerca in Diritto civile nella legalità costituzionale ed assegnista di ricerca presso il Dipartimento di diritto privato dell'Università degli Studi di Macerata. È autore di lavori minori.
Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved