NOTA! Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili .
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Approvo', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie. 
Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.

Si comunica che i nostri uffici resteranno chiusi
dal 1 agosto 2019 al 30 agosto 2019

Tutti gli ordini effettuati in quel periodo saranno evasi a partire dal 2 settembre 2019

La petizione di eredità tra regole e dogmi
SKU: 7419202180
Sangermano Francesco
30,00 €

Isbn
9788849538014
Collana:

"Quaderni di «Diritto delle successioni e della famiglia»"
Vai alla collana >>>

Nr. Volume
27
Formato
17x24
Nr. Pagine
240
Mese Pubblicazione
Gennaio
Anno Pubblicazione
2019

La petizione di eredità rappresenta un emblematico crocevia tra il diritto sostanziale e l’azione. Di fronte alle opinioni più critiche sulla autonomia ed universalità dell’h.p. si ha la sensazione, talvolta, di trovarsi in presenza di quella «filosofia» disgregatrice della singolare scientificità del diritto, che ha, come noto, attraversato la scienza giuridica privatistica in particolare negli anni ’70. Il risvolto probatorio e processuale dell’istituto, come in un giuoco di specchi reciprocamente riflettenti, sembra in realtà confermare, sul piano del diritto sostanziale, una unitarietà di protezione, che presenta il compendio ereditario e che la controversa assimilazione con la categoria dell’universitas ha, invece, portato a misconoscere o a sottovalutare in maniera eccessiva. Nella fondamentale richiesta di accertamento della qualità di erede presidiata dalla hereditas petitio si scorgono due profili coessenziali: quello morale inerente il diritto al riconoscimento della condizione giuridica propria del successore universale del de cuius e l’aspetto ad esso connesso più propriamente patrimoniale rappresentato dal diritto al consequenziale rispetto dell’integrità delle situazioni giuridiche e delle utilità costitutive del compendio ereditario.

L'AUTORE
Francesco Sangermano è professore associato confermato di Diritto privato presso l’Università degli Studi di Roma «Tor Vergata». È autore delle monografie L’interpretazione del contratto. Profili dottrinali e giurisprudenziali (Milano 2007); Presupposizione e causa nel negozio testamentario (Milano 2011); Principi e regole della responsabilità civile nella fattispecie del danno da prodotto agricolo difettoso (Milano 2012) oltre che di numerosi saggi e contributi in volumi collettanei e nelle principali riviste giuridiche specializzate.

Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved