NOTA! Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili .
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Approvo', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie. 
Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.
0705146050.jpg0705146050.jpg
Gli accordi prematrimoniali
SKU: 0705146050
Ruggiero Domenico Giovanni
20,00 €
Esaurito Avvisami!

Isbn
8849510187
Collana:

"Seconda Università degli Studi di Napoli « Jean Monnet » Quaderni"
Vai alla collana >>>

Nr. Volume
8
Formato
17x24
Nr. Pagine
240
Mese Pubblicazione
Gennaio
Anno Pubblicazione
2005
Superata la concezione pubblicistica della famiglia, l'autonomia negoziale dei coniugi è un tema affascinante per lo studioso del diritto privato, in considerazione delle sue potenzialità . L'interpretazione dei principi di diritto di famiglia nel senso della libertà dei coniugi e la lettura che avvicina la disciplina familiare a quella dei contratti cd. «patrimoniali» sono coerenti con le regole accolte dalla Costituzione italiana ed europea e ben si attagliano allo spirito della riforma del diritto di famiglia. In questo quadro si pone la discussione relativa agli accordi prematrimoniali. La giurisprudenza e la dottrina si sono concentrate fino ad ora sugli accordi preventivi di divorzio ed in particolare su quelli stipulati in occasione della separazione, negando ad essi validità per varie ragioni. Muovendosi lungo il percorso segnato dalle molteplici pronunce della Cassazione e ricostruendo il pensiero di insigni giuristi, sembrerebbe possibile, in astratto, estendere agli accordi prematrimoniali tutti gli argomenti della concezione restrittiva. In concreto, è preferibile giungere ad un risultato diverso, confutando l'opposta opinione e respingendo ogni concezione aprioristica che configuri l'assetto normativo degli effetti del divorzio come disciplina imperativa e, dunque, come ipotesi di nullità virtuale qualsiasi patto che ad essa deroghi. La verifica del contenuto effettivo dell'accordo e l'uso degli strumenti contrattuali (ed anche di quelli previsti a tutela del consumatore) valgono a proteggere la parte cd. debole, nel caso in cui l'accordo mortifichi la sua posizione.

L'AUTORE

Domenico Giovanni Ruggiero
è ricercatore di diritto privato della Seconda Università degli Studi di Napoli. Èprofessore incaricato presso la Facoltà di Studi Politici e per l'Alta Formazione Europea e Mediterranea «Jean Monnet» degli insegnamenti di Diritto privato dell'U.E. e di Diritto civile italiano e comunitario. È autore di diverse pubblicazioni in tema di diritto di famiglia e delle successioni.
Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved