NOTA! Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili .
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Approvo', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie. 
Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.
7407162070.jpg7407162070.jpg
Retroattività e contratto
SKU: 7407162070
Ciatti Alessandro
35,00 €

Isbn
9788849515701
Collana:

"Quaderni della Rassegna di diritto civile"
Vai alla collana >>>

Formato
17x24
Nr. Pagine
328
Mese Pubblicazione
Marzo
Anno Pubblicazione
2008
La disciplina negoziale è oggi assiduamente percorsa da interventi novatori - provenienti soprattutto dal legislatore comunitario, dalle Authorities, dalle decisioni della Corte costituzionale, delle Corti comunitarie, dei giudici amministrativi e ordinari - e ha cosi perduto il carattere tradizionalmente assegnatole di ars stabilis et secura: il trascorrere del tempo reca quindi con sè una rapida evoluzione delle norme giuridiche che circondano il contratto e concorrono a determinarne gli effetti, ne altera la forza di legge declamata dall'art. 1372 c.c. e corrode silenziosamente la coesione del vincolo conchiusosi, cosi compromettendo il reciproco affidamento che le parti ripongono in esso. Si pone allora il problema di individuare anzitutto la norma applicabile al contratto pendente, bilanciando le esigenze di evoluzione dell'ordinamento giuridico, che deve adeguarsi ai nuovi contesti politici ed economici, con quelle di salvaguardia degli effetti dell'atto di autonomia privata così come le parti lo hanno congegnato. A tal fine non è sempre possibile affidarsi esclusivamente alla regola d'irretroattività degli atti normativi o al principio d'intangibilità dei diritti quesiti, perchè vi sono interventi novatori i quali richiedono di essere applicati immediatamente ai rapporti pendenti, mentre ve ne sono altri cui deve essere negata l'attitudine a superare la disciplina negoziale divisata dalle parti. A volte l'immediata applicazione della norma sopravvenuta è imposta dal legislatore, altre volte è conseguenza della struttura stessa dell'atto sopravvenuto, come accade per la sentenza, o ancora può dipendere da una scelta ermeneutica dell'interprete, chiamato a rapportare la rilevanza dei singoli valori in giuoco con il ruolo assegnato all'autonomia contrattuale dalla Costituzione. Nei limiti in cui si riconosca la legittimità di simili interventi, occorre recuperare all'interno della disciplina negoziale gli strumenti per fronteggiare ove possibile l'immediata efficacia degli atti normativi, valutando la validità e l'utilità di clausole appositamente inserite nel contratto o la praticabilità di rimedi che consentano alle parti di affrancarsi dal vincolo o di adeguarlo al mutato contesto normativo.

L'AUTORE
Alessandro Ciatti è professore associato di Diritto privato nell'università degli Studi di Torino. Ha scritto Responsabilità medica e decisione sul fatto incerto , Padova, 2002, oltre ad alcuni saggi, contributi in opere collettanee e commenti alla giurisprudenza.
Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved