0704074040.jpg0704074040.jpg
Il silenzio della Pubblica Amministrazione - Il paradosso del silenzio come forma di comunicazione tra privato e pubblico
SKU: 0704074040
Tasso Torquato G.
39,00 €

Isbn
8849509081
Collana:

"La Crisalide"
Vai alla collana >>>

Nr. Volume
28
Formato
13,5x20
Nr. Pagine
300
Mese Pubblicazione
Novembre
Anno Pubblicazione
2004
Quella del silenzio della Pubblica Amministrazione è figura enigmatica, emersa lentamente e gradualmente dal buio normativo per opera della giurisprudenza del Consiglio di Stato, trovatasi di fronte alla lesione di un interesse del privato cittadino non già per un atto amministrativo ma per l'inerzia silenziosa del pubblico amministratore, e sostenuta dalla dottrina, che ha percepito l'innaturale sproporzione determinata dalla asimmetria del rapporto Pubblico/Privato. Nella prima parte del saggio, l'Autore segue l'evolversi della difficile argomentazione mediante la quale si è andato riconoscendo all'omissione della Pubblica Amministrazione il significato di provvedimento amministrativo, a partire dalla figura del silenzio-rigetto a quella del silenzio-rifiuto, al silenzio-assenso o accoglimento, al più silenzioso dei silenzi: il silenzio-inadempimento. Perchè non si può dimenticare che «il silenzio normalmente in sè è neutro ed incolore, anzi non è nulla». La seconda parte del saggio è dedicata all'analisi dell'impatto che la Legge 7 agosto 1990, n. 241, ha avuto sull'esperienza giuridica italiana, con l'introduzione di regole e principi destinati a rivoluzionare il rapporto adusato tra pubblica amministrazione e cittadino. Facendo in particolare leva sul disposto dell'art. 2, che prevede per l'amministrazione, una volta iniziato il procedimento, «il dovere di concluderlo mediante l'adozione di un provvedimento espresso», e dell'art. 20, che nel caso di silenzio dell'amministrazione prevede di ritenerne sussistente l'assenso. Senza contare che l'art. 19, consentendo al cittadino la possibilità di iniziare un'attività di pubblica rilevanza, senza che questa venga subordinata ad un intervento di tipo autorizzativo da parte dell'amministrazione ma semplicemente a seguito di una denuncia fatta dall'interessato, configura un'altra forma, a-tecnica, di silenzio giuridicamente rilevante. Con l'aporetica conclusione che il silenzio, da patologia, sembra essere divenuto, per paradosso, forma fisiologica di comunicazione del privato col pubblico.

L'AUTORE

Torquato G. Tasso, avvocato del Foro veneziano, dottore di ricerca dell'Università degli Studi di Padova, professore di Istituzioni di diritto pubblico e di Diritto del lavoro presso la Facoltà di Scienze della formazione dell'Università degli Studi di Trieste, è autore di vari saggi tra i quali Prima lettura critica della legge sull'occupazione e il mercato del lavoro. La riforma del mercato del lavoro dal Libro Bianco alla Legge 30/2003. Collabora a varie riviste e fa parte della redazione de «L'Ircocervo. Rivista elettronica italiana di metodologia giuridica, teoria generale del diritto e dottrina dello stato» (http//www.filosofiadeldiritto.it).
Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved
NOTA! Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili .
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Approvo', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa. Privacy Policy