NOTA! Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili .
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Approvo', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie. 
Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.
0704094040.jpg0704094040.jpg
A più voci. Amministrazioni pubbliche, imprese, associazioni e cittadini nei processi decisionali inclusivi
SKU: 0704094040
Bobbio Luigi
12,00 €

Isbn
8849509251
Collana:

"Analisi e Strumenti per l'innovazione - I manuali"
Vai alla collana >>>

Formato
17x24
Nr. Pagine
152
Mese Pubblicazione
Luglio
Anno Pubblicazione
2004
Che cosa hanno in comune le conferenze di servizi, gli accordi di programma, i patti territoriali, i progetti territoriali integrati (Pit), i programmi di riqualificazione urbana, i piani di zona per i servizi sociali e i piani dei tempi degli orari, i progetti di Agenda 21 locale, i piani strategici delle città o i progetti comunitari come Urban, Leader o Equal e molte altre esperienze simili? Si tratta di progetti elaborati attraverso processi decisionali inclusivi. In questi casi, infatti, si cerca di giungere a un risultato condiviso, includendo un ampio numero di soggetti interessati a un determinato problema e di farli partecipare alle scelte. Nei processi inclusivi gli interventi pubblici sono progettati a più voci. Per riferirsi a questi processi si usano di solito termini come concertazione, partenariato, partecipazione, consultazione, negoziazione, accordi, patti, intese. L'immagine più frequente è quella di diversi attori che vengono messi a discutere attorno a un tavolo. La scelta di aprire un tavolo, ossia di imboccare un processo decisionale inclusivo, è talvolta compiuta volontariamente e informalmente da un amministratore pubblico che ritiene utile allargare la platea dei decisori e responsabilizzarli. Talvolta è incoraggiata o addirittura prescritta dalla legge. L'Unione Europea ha dato un fortissimo impulso in questa direzione: è difficile trovare un programma comunitario in cui non compaiano, con grande rilievo, espressioni come partenariato, coinvolgimento dei cittadini, partecipazione. A più voci è un manuale rivolto ai pubblici amministratori - politici, dirigenti o funzionari - che si trovano ad affrontare processi decisionali di tipo inclusivo. Numerose schede illustrano lo svolgimento di specifici casi, dalla diretta voce degli amministratori che li hanno promossi e seguiti o degli operatori che hanno provato a gestirli. Il manuale non pretende di offrire ricette. Intende, più semplicemente, mostrare che esistono possibilità , che non sempre vengono sfruttate, e mettere a disposizione di coloro che operano sul campo quel vasto patrimonio di conoscenze e competenze che si è andato consolidando nell'ultimo decennio nel nostro Paese.
Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved