NOTE! This site uses cookies and similar technologies .
This site uses cookies , including third parties : by clicking on ' I approve , continuing the navigation , making the scroll of the page or other interaction with the website , you consent to the cookies .
For more information or to refuse consent to all or some cookies, see the information .
Lo SME e il dollaro
SKU: 0883016000
Martinengo Giancarlo - Padoan Pietro Carlo
14,90 €

Formato
17x24
Nr. Pagine
88
Mese Pubblicazione
Febbraio
Anno Pubblicazione
1983

La nascita dello SME ha messo in luce l'insufficienza degli strumenti di analisi a disposizione degli economisti per affrontare i problemi posti dalla costituzione di un'area valutaria. Questo lavoro costituisce un tentativo di misurarsi con un tale evento economico-istituzionale mediante un approccio che cerca di distaccarsi da quello, dominante, di taglio monetarista alle relazioni monetarie internazionali. Nel primo capitolo vengono riassunti i fatti dei primi tre anni di vita dello SME e, successivamente, vengono considerati gli strumenti teorici disponibili per analizzare simili fenomeni. Nel secondo capitolo viene costruito un modello, utilizzato per determinare l'andamento nel tempo dei tassi di cambio e le condizioni che devono verificarsi per assicurare l'equilibrio della bilancia dei pagamenti. Nel terzo capitolo è messa in evidenza la grande rilevanza del comportamento dell'economia dominante nel sistema internazionale (gli USA) nel determinare le condizioni di equilibrio dell'area valutaria (lo SME). Nel quarto capitolo vengono fornite alcune stime empiriche delle determinanti del tasso di cambio così come scaturiscono dal modello teorico. Nel quinto capitolo vengono, infine, presentate alcune generalizzazioni del modello teorico elaborato nel secondo capitolo: sono confermati i risultati relativi alle condizioni imposte ai processi di crescita dalla costituzione di un'area valutaria.

GLI AUTORI

G
iancarlo Martinengo, nato nel 1943, è professore associato di Economia Politica alla Facoltà di Economia e Commercio di Roma. In precedenza è stato incaricato di Economia Politica a Teramo (1973) e di Teoria e Politica dello Sviluppo a Padova (1974-76). È autore di numerosi saggi di economia keynesiana e internazionale tra cui: La reinterpretazione del pensiero di Keynes nell'analisi di Leijonhufvud: una [ormalizzazione critica, in «La controversia Keynesiana », a cura F Vicarelli, il Mulino, 1974; Note su instabilità finanziaria e domanda effettiva, in «Studi di Economia Keynesiana», a cura di A. Graziani, C. Imbriani e B. Jossa, Liguori Editore, 1981, e The equilibrium exchange rate: a critical suruey ; in «Qualitative analysis and econometric estimation of continuous time dynamic models », G. Gandolfo, North-Holland, 1981. Ha pubblicato, inoltre, Crescita e bilancia dei pagamenti, Giuffré, 1978.

Pietro Carlo Padoan
, nato nel 1950, è professore associato di Economia Politica e insegna nell'Università di Roma. Ha pubblicato in tema di teoria monetaria, teoria dell'inflazione, economia e finanza internazionale, econometria applicata su riviste italiane e internazionali e nei volumi di G. Gandolfo «Il tasso di cambio di equilibrio» (Le funzioni di importazione nei modelli econometrici) , (ISEDI 1976) e «Qualìtative analysis and econometric estimation of continuous time dynamic models » (A Minimal model: empirical results), (North-Holland 1981) e di M. Arcelli (a cura di) «Moneta prezzi e teoria del disequilibrio» (Interpretazioni di Keynes, economia monetaria, teorie dei prezzi), (CEDAM 1979).

Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved