Il fatto e la domanda in giudizio
SKU: 8820164200
Silvestri Caterina
32,00 €

Isbn
9788849543988
Formato
17x24
Nr. Pagine
240
Mese Pubblicazione
Ottobre
Anno Pubblicazione
2020

Il presente volume offre quale particolare punto di osservazione del processo, e specialmente della domanda giudiziale, il ruolo svolto dal fatto. Le tipologie in cui lo stesso tradizionalmente si articola costituiscono, pur nella loro ambiguità semantica, la matrice organizzativa delle attività processuali, scandite da precisi oneri e rigide preclusioni: il fatto costitutivo presiede alla specificazione della domanda giudiziale e incide sull’organizzazione del rito, nella cui dinamica il perimetro fattuale necessario alla trattazione e alla decisione della lite è costruito sui fatti principali a quello correlati (modificativi, impeditivi, estintivi) e, in talune fattispecie, anche su fatti di difficile inquadramento nella tassonomia legislativa, idonei a incidere sull’entità o sul modo di essere dei fatti principali, che l’Autrice individua nella categoria dei fatti «secondari sostanziali». L’analisi è condotta alla luce dei molteplici profili che sollecitano una riflessione sul tema oggetto dell’indagine: dalle preziose elaborazioni dottrinali e giurisprudenziali di concetti cardine della teoria generale del processo, quali oggetto del giudizio e mutatio libelli, alle espressioni del contenzioso moderno difficilmente adattabili a un sistema che richiede una completa ed esauriente sostanziazione della domanda sin dagli esordi del giudizio. Un quadro di rivisitazioni rispetto alle quali l’esperienza francese si pone come significativo campo di indagine e di confronto sia per lo sviluppo originale e autonomo che in quell’ordinamento accompagna metodo ed elaborazione concettuale della categoria del fatto e del suo ruolo nel processo, che ha originato una nozione di oggetto della domanda in giudizio incentrata sul risultato economico o sociale perseguito non lontana da recenti acquisizioni della nostra giurisprudenza più innovativa, sia per la costante attenzione che in quell’ordinamento è rivolta ai rapporti tra imperativi di ordine ricostruttivo ed esigenze di funzionalità ed efficienza proprie di un sistema processuale attento a non chiudersi in rigide barriere preclusive in primo grado come anche in sede di appello.

L'AUTORE
Caterina Silvestri (Pescia, 1966) è professore associato della Scuola di Giurisprudenza dell’Università di Firenze, dove insegna Diritto processuale civile europeo e Sistemi processuali e tutela dei diritti. Nella stessa Scuola ha tenuto nel tempo i corsi di Teoria generale del processo e di Diritto Anglo-Americano; alla Scuola di Economia e Management dello stesso Ateneo è stata titolare del corso di Sistemi giuridici comparati. I suoi interessi sono da sempre rivolti al processo civile nella sua dimensione interna ed europea.

Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved
NOTE! This site uses cookies and similar technologies .
This site uses cookies , including third parties : by clicking on ' I approve , continuing the navigation , making the scroll of the page or other interaction with the website , you consent to the cookies .
For more information or to refuse consent to all or some cookies, see the information .
 Privacy Policy