La prevedibilità nel diritto penale
SKU: 8020186200
Nappi Antonio
92,00 €

Isbn
9788849544299
Collana:

"Nuove Ricerche di Scienze Penalistiche" 
Vai alla collana >>>

Nr. Volume
38
Formato
17x24
Nr. Pagine
704
Mese Pubblicazione
Ottobre
Anno Pubblicazione
2020

La prevedibilità è il confine che identifica il diritto penale, differenziandolo dall’arbitrio. Essa, pertanto, non è graduabile né frazionabile, poiché ogni forma di ridotta o parziale prevedibilità apparterrebbe all’oltre-confine. L’epistemologia sistemica, in questa prospettiva, impone di avvolgere nel mantello della prevedibilità l’azione di ogni attore in criminalibus. Tale dimensione, statica, è però teleologicamente neutra ed assolve – quindi – ad una funzione meramente conoscitiva. Solo nella dimensione dinamica, infatti, può tracciarsi la rotta della coerenza con l’assiologia dell’ordinamento vigente, che si staglia nell’orizzonte dell’integrazione sociale del reo, inscindibilmente connessa alla metronomia diacronica. Il tempo della prevedibilità è ‘battuto’ dall’interazione tra il prius legislativo (preciso/determinato) ed il posterius giurisprudenziale (ragionevolmente predicibile). La prevedibilità, tuttavia, va ben oltre: non v’è – dall’agire del pubblico ministero all’ultima propaggine dell’esecuzione sanzionatoria – territorio che ad essa possa dirsi estraneo. L’indagine prova a disvelare la valenza euristica delle geometrie sistemico/diacroniche: esse, così disegnate, possono irrobustire i confini della prevedibilità, allontanando il diritto penale dallo scivoloso pendio verso l’arbitrio.

L'AUTORE
Antonio Nappi insegna Diritto penale comparato presso il Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Napoli «Federico II». Ha pubblicato, tra l’altro: Reati edilizi. D.P.R. n. 380/2001 e successione di leggi nel tempo: un caso paradigmatico di violazione del principio di legalità agli albori del XXI secolo, 2004; Principio di legalità, modello accusatorio e resistenze giurisprudenziali, 2006; La crisi del sistema delle sanzioni penali. Prospettive di riforma, 2010; Prospettive e criticità del probation: disciplina vigente, spunti comparatistici, proposte di riforma, 2016; La responsabilità penale in materia di sicurezza sul lavoro tra diritto vigente, ‘diritto vivente’ e prospettive di riforma, 2017; Principio di offensività ed ordinamento vigente: il lungo cammino per ‘rimarginare la ferita’. Dalle proposte delle Commissioni di riforma alla non punibilità per irrilevanza del fatto, 2017; Razionalità complessiva del sistema: il c.d. omicidio stradale al banco di prova dei canoni di proporzione ed offensività, 2017; Principio personalistico e ‘binomi indissolubili’. Il primato dell’essere nell’incessante divenire della tutela penale, 2018; Diritto penale e malattia irreversibile. Dal ‘dovere di vivere’ al diritto di autodeterminazione, 2019; Restorative justice: ‘guardare oltre’. L’imprescindibile ausilio dello studio comparatistico nel ripensare la risposta al delitto, 2019; Suicidio medicalmente assistito e omicidio del consenziente pietatis causa: problematiche ipotesi di tipicità penale, 2019; A chi appartiene la propria vita? Diritto penale e autodeterminazione nel morire: dalla giurisprudenza della Consulta alla epocale svolta del Bundesverfassungsgericht, 2020; Bilanciamenti di interessi e dinamiche ermeneutiche del bene giuridico tutelato nel biodiritto di fine vita, 2020; Omicidio colposo commesso con violazione delle norme sulla circolazione stradale: riflessioni comparatistiche e prospettive di riforma, 2020.

Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved
NOTE! This site uses cookies and similar technologies .
This site uses cookies , including third parties : by clicking on ' I approve , continuing the navigation , making the scroll of the page or other interaction with the website , you consent to the cookies .
For more information or to refuse consent to all or some cookies, see the information .
 Privacy Policy