NOTE! This site uses cookies and similar technologies .
This site uses cookies , including third parties : by clicking on ' I approve , continuing the navigation , making the scroll of the page or other interaction with the website , you consent to the cookies .
For more information or to refuse consent to all or some cookies, see the information .
7910113100.jpg7910113100.jpg
Personalismo e solidarismo familiare nel diritto internazionale privato
SKU: 7910113100
Maisto Filippo
13,00 €

Isbn
9788849520620
Collana:

"Univ.degli Studi della Calabria Facoltà di Economia - Quaderni Dip. Scienze Giuridiche"
Vai alla collana >>>

Nr. Volume
22
Formato
17x24
Nr. Pagine
144
Mese Pubblicazione
Ottobre
Anno Pubblicazione
2010
Per la lettera della legge il riferimento ad una norma civilistica straniera è ammissibile, essenzialmente, a due condizioni: che sia previsto da uno specifico criterio legislativo di collegamento; che sia dimostrata la non contrarietà della disciplina estera all'ordine pubblico. Dato l'obiettivo di garantire sempre un'adeguata giustificazione assiologica all'applicazione delle norme civilistiche straniere, tuttavia, si dimostra l'opportunità di assegnare anche al principio di sussidiarietà un ruolo decisivo nella selezione della disciplina delle fattispecie transnazionali. Il fondamento positivo di un procedimento ermeneutico cosi strutturato può essere individuato, deducendolo dal canone dell'unitarietà dell'ordinamento giuridico e da quello dell'eguaglianza sostanziale. In base al principio di sussidiarietà la norma straniera può operare, soltanto se - soprattutto in considerazione della sua fonte - risulta piú adeguata per realizzare un'utilità sociale apprezzabile secondo i principi costituzionali o comunitari. Di un simile procedimento valutativo meritano di essere precisati due passaggi logici. Il primo è che, quando la controversia verte su materie concernenti gli interessi esistenziali e la solidarietà familiare, la sussistenza della predetta attitudine deve essere specificamente provata. A differenza dei conflitti normativi concernenti i rapporti mercantili, essa non può essere semplicemente presunta. L'altro consiste nel ritenere che, là dove la disciplina straniera favorisse nel caso concreto l'attuazione dei valori costituzionali o comunitari, essa dovrebbe essere richiamata anche al cospetto di una previsione contraria della norma di conflitto specifica (cd. Drittwirkung del principio di sussidiarietà ).

L'AUTORE
Filippo Maisto
è professore straordinario di Diritto privato presso l'Università degli Studi della Calabria. Ha pubblicato, oltre ad alcuni lavori minori, le seguenti monografie: Il collegamento volontario tra contratti nel sistema dell'ordinamento giuridico, Napoli 2000; Il «diritto intertemporale». La ragionevolezza dei criteri per la risoluzione dei conflitti tra norme diacroniche, Napoli 2007; Diritto intertemporale, in Trattato di diritto civile del Consiglio Nazionale del Notariato diretto da Pietro Perlingieri, Napoli 2007.
Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved