NOTE! This site uses cookies and similar technologies .
This site uses cookies , including third parties : by clicking on ' I approve , continuing the navigation , making the scroll of the page or other interaction with the website , you consent to the cookies .
For more information or to refuse consent to all or some cookies, see the information .
0706167050.jpg0706167050.jpg
Impresa pubblica e intervento dello stato nell'economia
SKU: 0706167050
Di Raimo Raffaele - Ricciuto Vincenzo
75,00 €

Isbn
8849512155
Grande Opera:

"Cinquanta anni della Corte Costituzionale della Repubblica italiana"
Vai alla grande-opera >>>

Nr. Volume
17
Formato
17x24
Nr. Pagine
XLII + 478
Mese Pubblicazione
Aprile
Anno Pubblicazione
2006
Dalla ricostruzione al boom economico, dall'austerity alla ripresa, al decennio delle privatizzazioni, la storia della nostra economia pubblica è sintetizzata nelle linee di un unico grande processo: il passaggio dallo Stato interventista alla libera economia di mercato. È una semplificazione tuttavia forse eccessiva, forse troppo attenta a modelli teorici - estratti da testi, la Costituzione e i Trattati, la lettura dei quali notoriamente non è univoca o forse, anche, talvolta eccessivamente condizionata dai presupposti ideologici di tali modelli; forse non sufficientemente attenta al complesso (o, meglio, alla complessità ) dei caratteri sociali, politici ed economici, oltre che istituzionali, dell'evoluzione di quest'ultimo cinquantennio. Cinquant'anni di giustizia costituzionale aiutano a scorgere equilibri diversamente poco visibili. Il filo degli interventi, il segno delle risposte e le scelte argomentative sono elementi di un quadro non certamente semplice da ricomporre e da interpretare, ma dove prendono forma e assumono rilievo proprio gli aspetti del processo storico non intelligibili nella esclusiva contrapposizione tra modelli gius-economici. Certo, la Corte ha ben presto operato prendendo a riferimento, oltre a quelli costituzionali, i principi e i valori espressi dal diritto comunitario. Ma è proprio in questa prospettiva che, nel suo magistero, si coglie una lezione di alto equilibrio, perchè il pur necessitato riferimento a tali principi e valori non si è tradotto in un recepimento acritico di essi all'interno del giudizio cli costituzionalità . Al contrario, la Corte ha saputo contemperare, con l'enunciato del diritto comunitario, le peculiarità del nostro ordinamento costituzionale, confermandone la vitalità e fornendo un fondamentale contributo alla sua evoluzione.
Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved