NOTE! This site uses cookies and similar technologies .
This site uses cookies , including third parties : by clicking on ' I approve , continuing the navigation , making the scroll of the page or other interaction with the website , you consent to the cookies .
For more information or to refuse consent to all or some cookies, see the information .
Potere regolamentare della F.I.F.A. e attività degli agenti di calciatori
SKU: 9908172003
Di Nella Luca
27,99 €

Nr. Pagine:
28
Formato:
PDF

Nel caso Piau il Tribunale di primo grado CE ha sottoposto a controllo il Regolamento Agenti della F.I.F.A. del 2000 per verificarne la legittimità alla luce del diritto antitrust. Detto regolamento risulta lecito, proporzionale e non integra uno sfruttamento abusivo di posizione dominante collettiva. Tuttavia, la decisione pone i problemi della abusività per se di un regolamento imposto a soggetti terzi rispetto alla Federazione e del fondamento di un siffatto potere regolamentare della F.I.F.A. esercitato verso terzi, tenuto conto della sua natura di ente di diritto privato. La soluzione da prediligere sembra essere quella di un intervento eteronomo da parte della CE a mezzo di una direttiva, come proposto anche dal Rapporto Belet.

In the Piau case the lowest level of the European Court examined the F.I.F.A. Regulations on Agents of 2000 according to monopoly law. The Regulations proved legal and proportional and do not amount to illegal exploitation of a dominant collective position. The ruling however raises the issue of the legitimacy of F.I.F.A.’s powers, both regulation of third parties by the F.I.F.A. and its governing power over third parties, in the light of the fact that it is a body regulated by private law. The situation calls for an EC directive as recommended by the Belet Report.

Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved