NOTE! This site uses cookies and similar technologies .
This site uses cookies , including third parties : by clicking on ' I approve , continuing the navigation , making the scroll of the page or other interaction with the website , you consent to the cookies .
For more information or to refuse consent to all or some cookies, see the information .
Usi civici e beni comuni
SKU: 9913205004
Marinelli Fabrizio
16,99 €

Nr. Pagine:
17
Formato:
PDF

Il dibattito sui beni comuni, ovvero i beni che sottraendosi alla distinzione tra beni pubblici e beni privati appartengono ad una comunità diffusa, merita di essere arricchito dall’esperienza elaborata nella storia millenaria degli usi civici. La persistenza degli assetti proprietari collettivi dimostra infatti come la loro evoluzione storica sia stata in grado di elaborare una disciplina «canonica» che ha permesso e permette tuttora la conservazione di vaste aree a fini ambientali. Pertanto la scissione tra proprietà dei beni, che compete agli abitanti del luogo, ed amministrazione degli stessi, che compete all’ente esponenziale della collettività, caratteristica degli usi civici, può contribuire nel rispetto del principio di sussidiarietà ad una definizione della possibile disciplina dei beni comuni.

Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved