La disciplina dei contratti di intermediazione finanziaria con particolare riguardo al diritto di recesso
SKU: 9915368008
Piacentini Stefania
20,99 €

Nr. Pagine
21
Estratto Rivista
Formato
PDF

L’operatività degli intermediari finanziari è negli ultimi anni notevolmente mutata adeguandosi sia alla recente normativa introdotta a tutela degli investitori sia alla giurisprudenza formatasi in materia. Una particolare attenzione viene dedicata alla tematica del diritto di recesso nel caso di vendita di prodotti finanziari fuori sede (c.d. jus poenitendi). Tale diritto è stato oggetto di un noto dibattito giurisprudenziale culminato nella sentenza della Cassazione, sez. un., n. 13905 del 3 giugno 2013, che a sua volta ha modificato l’orientamento con la pronuncia della Cassazione n. 7776 del 3 aprile 2014 a seguito della pubblicazione del c.d. Decreto del Fare del 2013. Ne consegue che lo jus poenitendi nella gestione di portafogli mira a valutare i rischi relativi all’affidamento all’intermediario di somme e valori che questi dovrà gestire talvolta in autonoma, mentre per il collocamento e per la negoziazione in conto proprio è funzionale all’esigenza di attribuire al cliente una pausa di riflessione che neutralizzi l’eventuale conflitto di interessi con l’intermediario. È pertanto auspicabile che la giurisprudenza interpreti l’art. 30 sesto comma del TUF in sintonia con l’attività finanziaria.

The activity of the Financial Intermediaries has considerably changed in the last years adapting to the recent rules introduced in favour of the Investors and to the recent case-law formed. A particular attention is devoted to the concept of the right of withdrawal in case of sale of financial products offsite (so-called “jus poenitendi”). Such right was the subject of a known jurisprudential debate culminated in the judgment of the Supreme Court, United Sections, no. 13905 dated June 3, 2013, which in turn has changed the existing guidance with the ruling of the Supreme Court no. 7776 dated April 3, 2014, further to the publication in 2013 of the so-called “Decreto del Fare”. It follows that “jus poenitendi” in the portfolio management aims to value the risks related to the trusting to the Intermediary of sums and values that this one should manage sometimes with independence, while for the placement and for proprietary trading is functional to the need to give to the customer a pause for reflection that counterbalances the possible conflict of interest with the Intermediary. It is therefore desirable that the case-law interprets Article 30 sixth paragraph of the TUF in tune with the financial activity.

Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved
NOTE! This site uses cookies and similar technologies .
This site uses cookies , including third parties : by clicking on ' I approve , continuing the navigation , making the scroll of the page or other interaction with the website , you consent to the cookies .
For more information or to refuse consent to all or some cookies, see the information .
 Privacy Policy