Configurabilità della procura generale ad amministrare i beni presenti nel patrimonio del mandante come atto di accettazione tacita
SKU: 9917382008
Criscuolo Claudia
12,99 €

Nr. Pagine
13
Estratto Rivista

Il Foro napoletano 3/2017
Vai alla Rivista

Formato
PDF

La sentenza in oggetto richiama l’attenzione dell’interprete sugli atti giuridici comportanti accettazione tacita di eredità. Dopo aver ribadito che, ex art. 460 c.c., il chiamato all’eredità può compiere atti di conservazione, di vigilanza e di amministrazione temporanea senza che ciò comporti accettazione d’eredità, i giudici rilevano come l’indagine debba riguardare l’individuazione in concreto di un comportamento qualificabile come accettazione tacita d’eredità. L’accertamento, riservato al giudice di merito, va riferito non solo al contenuto dell’atto giuridico in sé, ma anche alla cornice ed alle circostanze esterne in cui esso viene posto in essere. Nel caso in esame, non viene genericamente ammessa la qualificazione della procura generale ad amministrare i beni del patrimonio del mandante come atto di accettazione tacita. Viene, invece, affermato che posto il particolare contenuto della procura e le particolari circostanze in cui la stessa era stata conferita, poteva desumersi che i mandanti intendevano porre in essere un’accettazione tacita.

The sentence that we are analysing draws the interpreter’s attention on the legal acts involving tacit acceptance of heredity. According to article 460 c.c., the heir can perform acts of conservation, supervision and temporary administration without entailing acceptance of heredity, the judges point out that the survey moves in practice on the identification of action that are suitable to involve tacit acceptance of heredity. The assessment, task of the trial court that can’t be criticized by the legitimacy court, must have regard to the frame and to external circumstances in which the measure is put in place. In this case, in fact, it is not generally allowed the qualification of general power of attorney to administer the assets as an act of tacit acceptance. Instead, they said that given the specific contents of, and the particular circumstances in which it had been granted, it could be inferred that the principals intended to create tacit acceptance.

Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved
NOTE! This site uses cookies and similar technologies .
This site uses cookies , including third parties : by clicking on ' I approve , continuing the navigation , making the scroll of the page or other interaction with the website , you consent to the cookies .
For more information or to refuse consent to all or some cookies, see the information .
 Privacy Policy