NOTE! This site uses cookies and similar technologies .
This site uses cookies , including third parties : by clicking on ' I approve , continuing the navigation , making the scroll of the page or other interaction with the website , you consent to the cookies .
For more information or to refuse consent to all or some cookies, see the information .
Il processo penale in Francia e in Italia. Profili comparati e spunti di riflessione
SKU: 9917282010
Peloso Caroline
24,99 €

Nr. Pagine:
25
Formato:
PDF
L’irragionevole durata dei processi costituisce, senza dubbio, uno dei problemi che affligge maggiormente il sistema giuridico italiano: una giustizia lenta è infatti una giustizia inefficiente, ovvero incapace di far fronte alle esigenze di sicurezza giuridica che il processo, specialmente quello di matrice penale, deve essere in grado di offrire ai cittadini. Il tema delle lungaggini giudiziarie è tuttavia argomento attuale non solo con riguardo alla giustizia italiana, ma anche in sistemi giudici di numerosi paesi europei – come la Francia – i quali, seppur in maniera differente, hanno tentato di porvi rimedio. Sulla base di tali premesse, si è inteso delineare taluni istituti processuali che hanno contribuito a sveltire la trattazione dei procedimenti penali d’oltralpe, offrendo un approccio propriamente comparatistico, onde far emergere le differenze sostanziali tra il sistema processual-penale italiano e francese ed evidenziare eventuali argomenti da cui trarre spunti de iure condendo. In particolar modo, il contributo prende avvio da una riflessione sul sistema di opportunità dell’esercizio dell’azione penale, meccanismo opposto a quello fondato sull’obbligatorietà dell’azione penale consacrato dal processo penale italiano, che in Francia ha permesso di superare la dicotomia archi azione/rinvio a giudizio introducendo una terza via rappresentata dalle misure alternative all’azione penale. Altri aspetti della giustizia penale francese hanno inoltre fatto oggetto di una riflessione circa le possibilità di una loro configurazione o di una loro implementazione analoga nel sistema processuale italiano. Il lavoro dunque, senza alcuna pretesa di esaustività in considerazione della vastità degli argomenti trattati e delle loro notevoli implicazioni, intende fornire un quadro generale del sistema processuale penale francese.

The unreasonable duration of the proceedings undoubtedly constitutes one of the problems most affecting the Italian legal system: a slow justice is an inefficient justice, unable to cope with the legal security requirements that the process – especially the criminal matrix – must be able to offer to the person who is involved and to the community. The problem of legal lengthiness concern not only italian justice, but also the judiciary systems of many european countries – such as France – who, although in a different way, tried to remedy them. On the basis of these premises, it was intended to outline some of the judicial institutes which have contributed in France to expedite the processing of criminal proceedings by offering a comparatives approach to highlight the differences between the italian and french procedurals systems and point out any arguments from which draw inspiration jure condendo. In particular, the contribution is based on a reflection between discretionary prosecution system – used in the french criminal system – and the one based on the mandatory of prosecution – typical of the italian trial; also the paper will be talk about the third way introduced between dismissal and committal to trial represented by alternative measures to criminal prosecution and other aspects of french criminal justice. This work, therefore, without any pretence of exhaustiveness – due to depth of the topic dealt with and their considerable implications in procedural and substantive rules – is intended to provide a general frame of the french criminal procedural system.
Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved