NOTE! This site uses cookies and similar technologies .
This site uses cookies , including third parties : by clicking on ' I approve , continuing the navigation , making the scroll of the page or other interaction with the website , you consent to the cookies .
For more information or to refuse consent to all or some cookies, see the information .
Arbitrato e tutela sommaria
SKU: 9915270009
Serra Maria Luisa
36,99 €

Nr. Pagine:
37
Formato:
PDF
ISSN:
1828-311X

L’articolo esamina la questione, da tempo dibattuta, concernente il potere degli arbitri di pronunciare provvedimenti di natura sommaria. Tale potere è escluso dalla giurisprudenza e dalla dottrina nel caso in cui le parti abbiano stipulato una convenzione di arbitrato sia rituale sia irrituale seppure in forza di differenti ragioni. Nel primo caso poiché l’arbitrato rituale costituisce alternativa alla giurisdizione ordinaria, agli arbitri compete decidere il merito della controversia mentre spetta al giudice ordinario pronunciare i provvedimenti di natura sommaria; nel caso dell’arbitrato irrituale, la natura negoziale della decisione comporta rinuncia alla tutela giurisdizionale. Soluzione anche di recente ribadita perché non è rinvenibile, nella vigente disciplina in materia di arbitrato, un provvedimento idoneo a recepire la provvisorietà degli effetti e, contestualmente, l’immediata esecutività dei provvedimenti di natura sommaria. In sede di comparazione, peraltro, può constatarsi (soprattutto nell’ordinamento tedesco, austriaco e francese), un rafforzamento, rispetto alla disciplina italiana, delle funzioni degli arbitri al quale corrisponde un conseguente ampliamento dei poteri ad essi riconosciuti, ravvisabile nella tendenziale attribuzione agli arbitri del potere di pronunciare provvedimenti di natura cautelare e, in taluni casi, del potere di pronunciare provvedimenti di natura sommaria.

The essay examines the controversial issue of whether arbitrators have the power to grant summary measures. Case-law and scholars deny that arbitrators have such a power whenever the parties involved have stipulated an agreement or clause providing for an “arbitrato rituale” or an “arbitrato irrituale” (ritual or informal arbitration), although for different reasons in each case. In the case of the former, the ‘arbitrato rituale’ represents an alternative to ordinary jurisdiction and, as such, arbitrators have the power to decide on the merits of the dispute. However, it is only for judges to grant summary proceedings. On the contrary, in the case of “arbitrato irrituale”, the contractual nature of the arbitral award implies that the parties have renounced judicial protection. In fact, this outcome was recently confirmed inasmuch as, in the current field of arbitration, we cannot find a measure capable of transposing the temporariness of the effects and, at the same time, the immediate enforceability of summary proceedings. However, when comparing such issues, we can note (especially in the German, Austrian and French judicial systems), an enforcement of arbitrators’ functions, with a consequent extension of their recognised authority. In this, there is the tendency to attribute to the arbitrators the power to order interim measures to grant measures in summary proceedings.

Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved