Dichiarazione di incompetenza e trasmigrazione della causa nei rapporti tra giudici e arbitri
SKU: 9914370010
Abbamonte Mirko
49,99 €

Nr. Pagine
41
Formato
PDF

Con la sentenza n. 223/2013 la Corte costituzionale ha dichiarato la parziale incostituzionalità dell’art. 819 ter, 2° comma, c.p.c. nella parte in cui escludeva espressamente l’applicazione di regole corrispondenti all’art. 50 c.p.c. nei rapporti tra giudici e arbitri. Per effetto della pronuncia della Corte, pertanto, l’attore che erra nella scelta del giudice o dell’arbitro, dichiaratosi successivamente incompetente, può giovarsi della conservazione degli effetti sostanziali e processuali della domanda inizialmente proposta se il giudizio viene riattivato tempestivamente dinanzi al giudice ad quem. La pronuncia della Corte, sebbene condivisibile, pone, tuttavia, una serie di nuove questioni interpretative sulle quali la dottrina ha espresso soluzioni discordanti. Nel presente lavoro l’Autore, dopo aver illustrato l’evoluzione dei rapporti tra giudici e arbitri dall’originario impianto codicistico del 1940 fino ad oggi, ricostruisce il meccanismo di traslazione della causa in termini di vera e propria translatio iudicii e, sulla base di tale inquadramento sistematico, evidenzia e affronta le principali problematiche applicative che l’attuale disciplina pone.

Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved
NOTE! This site uses cookies and similar technologies .
This site uses cookies , including third parties : by clicking on ' I approve , continuing the navigation , making the scroll of the page or other interaction with the website , you consent to the cookies .
For more information or to refuse consent to all or some cookies, see the information .
 Privacy Policy