Nessuna immagine impostata
Nessuna immagine impostata

I principi generali del processo internazionale nella giurisprudenza della Corte internazionale di giustizia - Seconda edizione

SKU: 7920077200
Autore:
Negri Stefania
Array
38,00 €
24h.png

PDFStampaEmail

Il diffuso interesse per la procedura internazionale induce ad un’attenta riflessione sulle differenze tra processo interno e processo internazionale e ad uno studio sistematico delle relative fonti normative. La ricostruzione e l’inquadramento teorico dei principi generali del processo internazionale non possono prescindere dalla giurisprudenza della Corte internazionale di giustizia e dal contributo essenziale che essa ha dato allo sviluppo di un autonomo diritto processuale internazionale. L’analisi di oltre settant’anni di giurisprudenza della Corte dimostra, infatti, che essa non si è limitata ad un’attività di mera rilevazione ed applicazione di norme già consolidate sul piano internazionale. In molti casi, l’interpretazione che essa ne ha dato ha consentito di precisarne la portata e di ampliarne la sfera di applicazione, adattandole alle circostanze concrete e ricavandone per deduzione regole specifiche «trasferibili» anche alla procedura consultiva. In altri casi, la Corte ha enunciato un nuovo principio o una nuova regola procedurale, di fatto «creando» diritto. Così facendo, la Corte è spesso pervenuta a soluzioni originali ed innovative rispondenti all’esigenza di garantire la buona amministrazione della giustizia e l’uguaglianza delle parti nel processo.

L'AUTORE
Stefania Negri è professore associato di Diritto internazionale nell’Università degli Studi di Salerno, direttore dell’Osservatorio sui diritti umani: bioetica, salute, ambiente dal 2010 e titolare della Cattedra Jean Monnet in European Health, Environmental and Food Safety Law (2016-2019). I suoi interessi di ricerca spaziano dal diritto processuale internazionale al diritto internazionale penale ed alla tutela dei diritti umani. Negli ultimi dieci anni si è concentrata su temi fondamentali del diritto internazionale ed europeo della salute e dell’ambiente. Ha di recente pubblicato Salute pubblica, sicurezza e diritti umani nel diritto internazionale (Giappichelli, Torino, 2018), Environmental Health in International and EU Law: Current Challenges and Legal Responses (Routledge-Giappichelli, Abingdon-Torino, 2019), Unione europea e salute. Principi, azioni, diritti e sicurezza (Wolters Kluwer-Cedam, Padova, 2019, coautore Giacomo Di Federico), Domestic Violence against Women. International, European and Italian Perspectives (Wolters Kluwer-Cedam, Padova, 2019, coautrice Vitulia Ivone).

Indice

Capitolo I
I PRINCIPI GENERALI DI PROCEDURA TRA PROCESSO INTERNO E PROCESSO INTERNAZIONALE
1. I principi generali di procedura nella teoria generale del processo. Comparazione tra i modelli processuali diffusi nelle diverse «famiglie giuridiche» e controversa enucleazione di principi comuni
2. Il processo internazionale. Elementi caratteristici che lo differenziano dal processo interno
3. I principi generali di procedura affermatisi nella prassi arbitrale. Tentativi di codificazione e fallimento del progetto di convenzione elaborato dalla Commissione di diritto internazionale
4. I principi generali del processo internazionale. Brevi cenni introduttivi

Capitolo II
PRINCIPI GENERALI DI DIRITTO, PRINCIPI GENERALI DEL PROCESSO E CORTE INTERNAZIONALE DI GIUSTIZIA
1. I principi generali di diritto nell’ordinamento internazionale. Problematico inquadramento teorico dei principi ed incipienti lavori della Commissione di diritto internazionale
2. L’art. 38, par. 1, lett. c) dello Statuto della Corte: natura e funzione dei «principi generali di diritto riconosciuti dalle nazioni civili»
3. La controversa esistenza di «principi generali di diritto riconosciuti dalle nazioni civili» di natura procedurale
4. Limitata applicazione dell’art. 38, par. 1, lett. c) dello Statuto nella giurisprudenza della Corte ed irrilevanza, anche in materia processuale, dei principi generali di diritto comuni agli ordinamenti
statali
5. Caratteristiche del processo celebrato davanti alla Corte e fonti di diritto processuale applicabili. Autonomia regolamentare e potere ordinamentale della Corte
6. Il contributo della Corte allo sviluppo del diritto processuale internazionale. Le funzioni di accertamento, interpretazione e creazione del diritto

Capitolo III
I PRINCIPI GENERALI DEL PROCESSO NELLA GIURISPRUDENZA DELLA CORTE INTERNAZIONALE DI GIUSTIZIA
1. Il fondamento consensuale della giurisdizione contenziosa. Interpretazione ed applicazione del principio del consenso e sua rilevanza ai fini dell’intervento dello Stato terzo
2. Il principio della compétence de la compétence: verifica della competenza principale della Corte ed applicazione del principio in caso di eccezioni preliminari, indicazione di misure cautelari e non comparizione
3. L’autonomia della Corte nella rilevazione del diritto internazionale applicabile. Interpretazione ed applicazione del principio generale jura novit curia
4. Il contributo della Corte all’affermazione di principi generali in materia di prove. Interpretazione ed applicazione del principio onus probandi incumbit actori
5. Il dovere della Corte di non pronunciarsi su questioni non sollevate dalle parti. Interpretazione ed applicazione del principio non ultra petita
6. Gli effetti vincolanti e definitivi della sentenza della Corte. Interpretazione ed applicazione del principio della res judicata. Il valore dei precedenti giudiziari nella giurisprudenza della Corte

Capitolo IV
IL PRINCIPIO DI UGUAGLIANZA DELLE PARTI NELLA GIURISPRUDENZA DELLA CORTE INTERNAZIONALE DI GIUSTIZIA
1. La nozione di «parte» nel processo internazionale. La prassi della Corte internazionale di giustizia. Lo status di «parte» dello Stato assente e del terzo interveniente
2. La competenza ratione personae della Corte ai sensi dello Statuto. Vicende legate allo status di Membro delle Nazioni Unite e legittimazione processuale: il caso della Iugoslavia
3. Natura e contenuto del principio di uguaglianza delle parti. Garanzie processuali e rispetto del principio audi alteram partem. Rapporto tra equo processo e «parità delle armi»
4. Uguaglianza delle parti e composizione della Corte: la designazione del giudice ad hoc. Controversa applicabilità dell’istituto in caso di intervento
5. Le garanzie processuali in materia di procedura e prova. La prassi delle consultazioni sulle questioni di ordine procedurale e principio del contraddittorio
6. Il principio audi alteram partem e la procedura in absentia. Le garanzie processuali a tutela della parte non comparente

Capitolo V
APPLICAZIONE DEI PRINCIPI GENERALI DEL PROCESSO NEI PROCEDIMENTI CONSULTIVI DEL LA CORTE INTERNAZIONALE DI GIUSTIZIA
1. La progressiva assimilazione della procedura consultiva a quella contenziosa
2. Applicazione del principio del consenso e discrezionalità della Corte in ordine all’opportunità di rendere un parere consultivo su questioni giuridiche pendenti tra Stati
3. Brevi cenni sull’applicazione dei principi generali jura novit curia, non ultra petita e onus probandi incumbit actori
4. Interpretazione ed applicazione del principio di uguaglianza delle parti
4.1. Le «parti» nella procedura consultiva. Il ruolo degli Stati e degli individui nei procedimenti consultivi aventi efficacia vincolante
4.2. La designazione del giudice ad hoc nei procedimenti consultivi che riguardano una questione giuridica pendente tra Stati
4.3. Applicazione del principio audi alteram partem alla procedura consultiva dedicata alla revisione delle sentenze dei tribunali amministrativi internazionali. Originalità delle soluzioni processuali adottate dalla Corte per garantire la «parità delle armi»

Isbn
9788849542639
Formato
17x24
Nr. Pagine
280
Mese Pubblicazione
Maggio
Anno Pubblicazione
2020