NOTA! Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili .
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Approvo', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie. 
Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.
Le funzioni di sorveglianza e di indirizzo della Banca d’Italia nelle rinnovate disposizioni del Testo Unico Bancario (TUB 2016) e del Testo Unico della Finanza (TUF 2016): respons
SKU: 9916311003
Lombardi Ettore Maria
25,99 €

Formato:
PDF
Nr. Pagine:
26
Estratto Rivista

Rivista di diritto dell'impresa 3/2016

Vai alla Rivista

Dopo una breve disamina storica della sua responsabilità da supervisione, L’obiettivo del saggio è di valutare la influenza che tre fattori principali hanno recentemente esercitato sulla Banca d’Italia, e più precisamente, sui suoi poteri di sorveglianza e di indirizzo, e sulla sua (potenziale) responsabilità da supervisione. In effetti, a livello comunitario, lo sguardo è rivolto 1. sugli effetti derivanti dalla creazione dello European System of Financial Supervision (ESFS), e 2. sulla introduzione del Capital Requirements Directive IV-CRDIV/Capital Requirements Regulation-CRR package, mentre, a livello interno, 3. sull’attuazione dei d.lgs. n. 180 del 2015, n. 72 del 2015 e n. 30 del 2016. Inoltre, non viene trascurata una breve considerazione dell’effetto che la Brexit ha avuto sul sistema finanziario europeo. L’analisi così condotta porta a ritenere che un certo livello di responsabilità da supervisione della Banca d’Italia sia utile, per un verso, al fine di assicurare e garantire una sua maggiore efficienza operativa, e, per l’altro, al fine di proteggere meglio i risparmiatori e il funzionamento del mercato finanziario in generale.

After a brief historic survey of its supervision’s liability, the aim of this article is to consider the influence that three paramount factors have recently exercised on the Banca d’Italia (BdI), and, more punctually, on its powers of surveillance and direction, and its (potential) supervision’s liability. Indeed, at an UE level, the attention is focused on 1. the effects consequent to the creation of the European System of Financial Supervision (ESFS), and on 2. the introduction of the Capital Requirements Directive IV-CRDIV/Capital Requirements Regulation-CRR package, while at a national (Italian) level, on 3. the d.lgs. no. 180/2015, d.lgs. no. 72/2015 and d.lgs. no. 30/2016. Furthermore, a brief evaluation of the effects of the “Brexit” on the European financial system is not neglected. The analysis shows that a certain level of BdI’s liability in tort is useful, on the one side, to reach and guarantee a better operational efficiency, and, on the other, to better protect the savers and the financial market in general.

Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved