L’asimmetria britannica tra devolution e separatismi (un’analisi aggiornata)

SKU: 9918262005
Autore:
Torre Alessandro
Estratto Rivista

Rassegna di diritto pubblico europeo 2/2018

Issn
1722-7119
Array
49,99 €

PDFStampaEmail

The whole regional system established within the United Kingdom at the end of the XX century pays a lot to new devolution schemes but is grounded on a basicly asymmetrical context coming from history. The same can be said about the national movements that in the so-called «celtic area» (Scotland, Wales and Northern Ireland), as the heirs of the old home rulers, have been the supporters of devolution and, namely in Scotland, of independence. A short survey of the pre-unitary constitutional systems may help the reader to realize how far the multi-level government, now focused of devolutionary reforms, can be seen as the basic feature of an asymmetrical British unitary state, and how far its political progress and actual implementation reflects the diverse ways the territorial government is a part of the constitutional developement of the country as a whole. By the way, the devolved institutions in the mentioned areas, pictures as the constituent parts of the country, act the agencies of a quasi-federal governance where the Scottish shape of the «devolution max» is today a paramount model of increased autonomy. On the other side, the metropolitan Greater London and the English undevolved regional systems can be added to the asymmetrical territorial context and put into evidence that not a single-model devolution, but a lot of pseudo-devolutions or regional decentralized units are in progress as counterparts. On the other side, the machinery of devolution is fairly open to separatist suggestions as we can see in Scotland under the political nfluence of the SNP and in the six counties of Ulster where the political manifesto of the Sinn Féin is strongly committed to separation from the British state. By the way, today the constitutional arena is all but peaceful: some dramatic consequences that will affect the performance of the whole devolution system are expected to come from the chaotic Brexit affaire where the strong nationaliism of the brexiteers is leading to withdrawal and people from the devolved areas are opposing.

Avendo alla base una storica condizione di asimmetria, la regionalizzazione di carattere devolutivo e i programmi autonomistici dei nazionalismi trovano nel Regno Unito uno scenario politico-istituzionale di particolare interesse. Senza trascurare alcuni significativi elementi ricostruttivi che affondano le radici nelle preesistenze costituzionali delle c.dd. «aree celtiche» delle Isole britanniche ove trovava sviluppo l’idea di home rule, né l’importante contributo dei movimenti nazionalisti che se ne fecero sostenitori, questo saggio passa in rassegna i principali motivi di rivendicazione di maggiori spazi di autogoverno in origine focalizzati intorno alla nozione di «devoluzione dei poteri» e i loro progressi nello Stato unitario britannico. Le tappe di sviluppo e battute d’arresto dei programmi autonomistici, l’intenso dibattito che ha condotto alle riforme che nel 1998 hanno realizzato la devolution in Scozia, Galles, Irlanda del Nord e nella Grande Londra, i riferimenti alla non devoluta regionalizzazione inglese, e le prospettive separatiste che si annidano in alcuni di tali sotto-sistemi devolutivi costituiscono gli snodi di un’analisi che, allo stato attuale, non può non tenere conto delle complicazioni provenienti dall’ingresso del Regno Unito nel caotico quadro costituzionale della Brexit che sta producendo problematiche conseguenze nel sistema devolutivo e rendendo tutt’altro che pacifico il quadro costituzionale di cui esso è parte integrante.

E-Book: Formato PDF Scaricabile

9918262005.pdf
Nr. Pagine
25
Formato
PDF