NOTA! Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili .
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Approvo', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie. 
Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.
Minore d’età e attività sportiva: una lettura in chiave dinamica
SKU: 9915172005
Rigazio Sara
44,99 €

Nr. Pagine:
45
Formato:
PDF

Il saggio affronta la delicata problematica del ruolo svolto dal minore d’età nell’àmbito dell’attività sportiva. Nello specifico, il lavoro si propone di analizzare tale questione alla luce degli innovativi princípi internazionali sanciti dalla Convenzione ONU sui diritti dell’infanzia e nuovamente affermati dalla normativa comunitaria con riguardo alla responsabilità genitoriale. L’idea di un minore non piú oggetto passivo di decisioni altrui ma, diversamente, soggetto attivo e consapevole dei propri diritti e doveri, costituisce, invero, l’idea centrale dalla quale il lavoro prende spunto e sulla quale, al contempo, si fonda. In tale prospettiva l’attività sportiva rappresenta, dunque, un vero e proprio banco di prova per l’interprete giacché si rivela, come si avrà modo di argomentare, terreno fertile per un compiuto riconoscimento della necessità di assicurare prevalenza alla posizione del minore.

Present essay deals with the role played by minors in the sports context. Specifically, the paper aims to analyze this in the light of the innovative international principles enshrined in the UN Convention on the Rights of the Child and re-established by the European Community with regard to parental responsibility. The concept of a child no longer passive object of other people’s decisions rather, an active and aware subject of her rights and duties, is, indeed, the central idea the work is inspired from and on which is based. In this perspective, sport represents a real challenge for the interpreter as it makes the possibility for a conscious recognition of the need to grant primary position of the child.